Allievi: cambio della guardia sulla panchina del Tre Stelle

La squadra degli Allievi Regionali del Tre Stelle si rinforza. Sotto la direzione del Dirigente Sportivo Martino Lerussi, dopo l’avvicendamento tra l’ex mister Gaetano Di Rienzo e Edi Floreani, la compagine regionale si prepara al girone di ritorno al fine di mantenere la categoria regionale.

Il ds Lerussi non usa mezzi termini: “Stiamo rinforzando tutta la squadra concedendo spazio a giocatori di grande qualità che sono gli acquisti invernali di cui avevamo bisogno: un portiere molto sicuro tra i pali, un difensore, un centrocampista in grado di dettare i tempi di gioco -. Acquisti che si vanno ad aggiungere ad un organico dove si erano già ampiamente messi in mostra Lorenzo Gollino e Alessio Pozzo, che hanno rifiutato più di un’offerta da club d’elite”.

Senza se e senza ma – spiega Lerussi – l’obbiettivo è quello di vincere il girone confermando che il Tre Stelle non ha e non vuole avere la pretesa di essere squadra che mira alla qualificazione nel girone Elite, ma diventa la squadra da battere nella seconda metà della stagione”.

Ed in attesa dell’amichevole di venerdì 8 dicembre contro il Prata Falchi per mantenere il turno di riposo e successivamente l’ultimo impegno del girone di qualificazione, in casa, contro gli allievi regionali del Cjarlins – Muzane guidati da mister Randon, il ds Martino Lerussi presenta le prime novità: “Già da venerdì potremmo presentare il nuovo allenatore della squadra, che andrà a sostituire Edi Floreani, preso in prestito dai pulcini dopo le dimissioni di Gaetano Di Rienzo. La scelta, intrapresa con i miei collaboratori, è stata quella di dare fiducia ad un allenatore esperto che fino ad ora si è messo in gioco solo con prime squadre. Non aver lavorato con il settore giovanile per noi non è un problema, anzi… un valore aggiunto! Stiamo lavorando per il futuro e vogliamo che i nostri allievi siano allenati da una persona capace che li tratti da adulti, da calciatori. Questa scelta è perfettamente in linea con i progetti di crescita futura del Tre Stelle”.

Con orgoglio il ds della squadra di Campoformido parla di Simone Spessot, portiere classe 2002, ex Udinese ed ex Donatello: “Simone siamo andati a vederlo, ci siamo conosciuti ed è stato subito amore a prima vista. E’ l’esempio di giocatore che vogliamo qui al Tre Stelle: serissimo durante gli allenamenti, volonteroso e con una costante voglia di crescere, simpatico e disponibile fuori dal campo. Un vero e proprio punto di riferimento per la sua squadra. – E Lerussi lo ammette chiaramente – se oggi noi, come Tre Stelle, possiamo permetterci di avere in rosa un giocatore di questo spessore tecnico lo dobbiamo principalmente al lavoro che sta portando avanti il nostro preparatore dei portieri che lavora con un metodo molto diverso dalle comuni preparazioni specifiche”.

Ed i risultati sono tangibili come testimonia lo stesso Simone Spessot: “Quando sono arrivato al Tre Stelle dal Donatello i primi allenamenti sono stati piuttosto duri: intensità, attenzione richiesta, capacità fisiche. Ma i miglioramenti dal punto di vista dell’elasticità e della forza esplosiva li ho percepiti quasi subito – E Spessot continua – Qui facciamo le cose sul serio: due ore e mezza di allenamento, quattro giorni a settimana massimo in tre portieri con tre preparatori… praticamente lavoriamo individualmente e veniamo ripresi durante gli allenamenti per poi riguardarci e migliorare dai nostri errori. Abbiamo una campo dedicato a noi, dove non entra nessuno e possiamo mantenere alto il livello di attenzione. Dal primo giorno mi hanno spiegato che avrei dovuto seguire un regime alimentare, che non è una dieta, bensì un modo serio di alimentarsi al fine di una preparazione specifica. Il lunedì e il martedì andiamo in palestra ed abbiamo una sala dedicata a noi e un nostro personal trainer che ci assiste con una serie di esercizi personalizzati. Il lunedì ci confrontiamo in una breve seduta di brainstorming analizzando tutte le partite per una crescita comune. Il venerdì ci rilassiamo alle terme e prima facciamo qualche esercizio in spiaggia per poi finire la giornata tutti a cena assieme”.

Ed è Luca Zamarian, Presidente del Tre Stelle a fornire qualche anticipazione: “Spessot sta crescendo e con lui abbiamo un progetto ben preciso e sarà sicuramente un portiere di cui sentiremo parlare nel giro di qualche anno. Ma le novità non sono finite qui… E’ in arrivo in nuovo portiere per la prima squadra direttamente dall’Eccellenza e già attenzionato da squadre di serie A. Per scaramanzia, per il momento, non voglio dire altro”.