Juventus senza verve: l’Udinese strappa un punto

UDINESE – JUVENTUS 1-1 (Zapata al 37’ del p.t., Bonucci al 15’ del s.t.)

UDINESE (4-4-2): Karnezis; Widmer, Danilo, Felipe, Samir; De Paul (Angella al 29′ s.t.), Fofana (Badu dal 39′ p.t.), Hallfredsson, Jankto; Zapata, Perica (Matos dal 39′ s.t.). (Scuffet, Perisan, Ali Adnan, G. Silva, Heurtaux, Kums, Balic, Ewandro). All. Delneri.

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; Dani Alves, Bonucci, Chiellini (Benatia dal 10′ s.t.), Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Cuadrado (Pjaca dal 27′ s.t.), Dybala (Rincon dal 41′ s.t.), Mandzukic; Higuain. (Neto, Audero, Barzagli, Rugani, Lichtsteiner, Marchisio, Asamoah). All. Allegri.

ARBITRO: Damato di Barletta.

Ammoniti Jankto, Hallfredsson, Cuadrado e Pjaca.

Un punto di carattere ma anche di qualità. L’Udinese ferma la Juve al termine può anche esprimere rammarico per una vittoria mancata che sarebbe stata del tutto meritata. Il risultato interrompe una serie di 38 partite consecutive nelle quali la Juve non aveva mai pareggiato.

Nel primo tempo l’Udinese disegnata da Delneri dimostra subito di potersela giocare, riuscendo ad imbrigliare la Juve a centrocampo grazie a tanta aggressività e ripartenze di qualità.

Zapata fa a sportellate e costringe la difesa avversaria a tenere alta l’attenzione. A centrocampo è Fofana il perno, fino a quando non si fa male ed esce dal campo al 35’ dopo uno scontro con Alex Sandro. Ma proprio nel momento in cui l’Udinese resta in dieci in attesa del cambio, Zapata va in percussione sulla sinistra, si difende da Bonucci e poi di sinistro spara un diagonale potentissimo sul primo palo, la palla passa tra le gambe di Buffon e finisce in rete. Dopo i festeggiamenti per il gol, Delneri al 39’ manda in campo Badu al posto di Fofana. Per il francese la diagnosi è pesante: frattura del perone della gamba sinistra, si prevede un lungo stop. Non c’è tempo per la reazione della Juventus, il primo tempo finisce con il vantaggio dell’Udiense, meritatissimo, grazie al gol di Zapata.

La ripresa inizia senza cambi. L’atteggiamento di Danilo e C. è identico alla prima frazione di gioco: pressing, palleggio e ripartenze. La Juventus non riesce ad entrare in partita. Al 13’ contatto Perica – Alex Sandro e calcio di punizione poco fuori il vertice destro dell’area.  Dybala pennella in mezzo all’area dove arriva Bonucci a colpire di testa e pareggiare i conti. Delneri protesta e viene invitato a lasciare il campo.

L’Udinese ha il pregio di non perdere la testa e di continuare a rimanere concentrata. Danilo va vicino al gol con un colpo di testa che finisce sul palo con Buffon però ben appostato mentre la Juve non crea particolari problemi a Karnezis. Dopo quattro minuti di recupero finisce 1-1, un pareggio pesantissimo ottenuto con determinazione, carattere ma anche tanta saggezza tattica e un gioco che ha divertito i tifosi.

A rovinare la gioia in casa bianconera la notizia della frattura al perone subita da Fofana. Lunedì ulteriori accertamenti e la diagnosi definitiva che sarà anche indicativa sui tempi di recupero dello sfortunato centrocampista francese.