Cuneo troppo forte: finisce la corsa play-off di Martignacco

Grande e generosa prestazione della Libertas Martignacco che dopo aver recuperato due set ha ceduto soltanto al tie break e per un soffio nella gara ritorno dei suoi primi play off promozione in A2, lasciando il passo alla già vincitrice dell’andata: la BreBanca S.Bernardo Cuneo per 2-3 (22-25, 16-25, 25-21, 25-23, 13-15) e rimandando il sogno alla prossima stagione, la quinta consecutiva che disputerà in serie B1.

La nostra prima squadra – ha commentato a caldo il Presidente della Polisportiva Libertas Martignacco, Bernardino Ceccarelliha disputato un grande incontro ed il folto pubblico accorso per questo appuntamento ha applaudito ed ha apprezzato, divertendosi per uno spettacolo che è durato ben 143 minuti. A parte il secondo set approcciato in maniera negativa ed in parte il primo, perso di misura, gli altri tre, sono stati combattutissimi con una nostra grande rimonta fermatasi nel quinto set, quando sul punteggio di 11-7 sembrava fatta: purtroppo qualche errore banale ha cambiato la sorte dell’incontro. La Società è però particolarmente contenta, perché le atlete in questa partita hanno veramente dimostrato quella voglia e determinazione che non si si vedeva da qualche incontro e ciò significa che davvero credevano nella possibilità di tornare a Cuneo a fare la bella; per un soffio l’obiettivo, che meritavano, è stato mancato, ma egualmente dobbiamo plaudere a questo gruppo che stavolta ha veramente dato l’anima e quando sembrava tutto finito, sullo 0-2, c’è stata una riscossa che ha dimostrato un carattere e una forza fisica d’eccezione e soprattutto una preparazione adeguata. Questo ci fa dire che la promozione è solo rinviata e dopo una settimana di riposo già incontreremo tutte le atlete per conoscerne le intenzioni, già sapendo che per quanto ci riguarda i tecnici sono riconfermati“.

Gazzotti ha fatto scendere in campo Di Bert in cabina di regia, Russo opposto, Colonnello e Gabbiadini in banda, Pastorello e Gray centrali e Dian libero; sono state impiegate anche Pulcina per Colonnello, capitan Gogna per Gray e Facco per Russo. Ancora in panchina per problemi a un polpaccio Pesce, che necessita ora di un’ulteriore decina di giorni di preparazione specifica e ormai sarà in campo nel pre campionato della prossima stagione.

Il primo set ha visto partire con intensità le cuneesi, che anche grazie a due errori dell’Itas Città Fiera in ricezione sul finale, hanno potuto chiudere a 22-25. Nel secondo set la squadra di Martignacco è partita malissimo, finendo inspiegabilmente e per la prima volta sullo 0-8; una ripresa c’è stata stata, ma ormai non ha potuto migliorare di molto lo stato dei fatti ed il finale è stato di 16-25. Il terzo se ha invece visto Gogna e compagne sempre avanti di 3 o 4 punti, fino alla conclusione sul 25-21. Anche il quarto set è stato intenso e combattuto, con la squadra di casa avanti al primo tempo tecnico e dietro di 3 punti al secondo, con il pareggio a quota 19 e la vittoriosa volata al finale di 25-23. Il quinto set, dopo aver raggiunto il punteggio di 11-7, l’Itas Città Fiera si è sentita forse troppo sicura di avercela fatta, tanto da lasciarsi raggiungere al 13.mo punto, dove è rimasta, con le piemontesi che terminavano 13-15.

La squadra avversaria – ha rilevato la Società di Martignacco – ha giocato meglio il ritorno che l’andata a Cuneo che aveva  vinto 3-1 ed è arrivata con la voglia di concludere in breve e ritornare presto a casa, anche perché ci sono nove ore di viaggio in pullman, ma la nostra compagine non lo ha permesso è ha ingaggiato una lotta di quasi due ore e mezza, dimostrando di essere in forza. L’unico rammarico è che avremmo voluto in questo ritorno affrontare Cuneo ad armi pari, con tutte le titolari in campo, che ci saremmo molto più divertiti, ma la cosa non è stata possibile perché nel recente passato la sorte ci è stata avversa e solo ora le atlete infortunate e nemmeno tutte, si possono dire abbastanza recuperate, anche lo saranno pienamente per la prossima stagione“.

I punteggio dell’incontro sono stati alti, a conferma dell’impegno e della determinazione delle giocatrici; la migliore realizzatrice della serata è stata Gabbiadini con 18 punti, seguita da Puncina con 15 punti, da Facco con 12, da Gogna con 11, da Pastrorello con 10 e da Colonnello e Gray con 3 punti.