Calcio A 5 – L’Udine City sogna in grande

Personaggi illustri del mondo dello sport e delle istituzioni si sono dati appuntamento ieri sera al “Macron Store” dello stadio Friuli: era in programma la presentazione della stagione 2020/2021 dell’Udine City, la giovane società cittadina (fondata nel 2015) operante nel calcio a 5 che, nonostante la verde età, può già vantare un felice passato, tante cose da raccontare e progetti da sviluppare.

Al microfono si sono susseguiti il presidente regionale del Coni, Giorgio Brandolin (“Non ho mai avuto, da giocatore, un grande rapporto con il futsal, ma qui ho visto un grande entusiasmo, del quale abbiamo assoluto bisogno”), quello della Figc Lnd Ermes Canciani (“In regione il calcio a 5 si sta svegliando, avremo 5 formazioni in B e l’Udine City, con un valore aggiunto che si chiama Tita Pittini, vive questo sport cosi dinamico con grande passione”)  e l’assessore allo sport del Comune di Udine Antonio Falcone (“Vedere tutti questi giovani carichi di energia positiva mi ha ridato il buonumore: significa che gli sforzi fatti in questi mesi per riaprire con meno limitazioni possibili sono serviti a qualcosa”). Il presidente del club Federico Spina e Furio Corosu – quest’ultimo in rappresentanza dell’Udinese calcio – hanno poi sviscerato il recente accordo tra i due club, sinergia che ha portato l’Udine City ad entrare a far parte dell’ Academy bianconera nell’ambito del progetto “Futsal in Soccer”, idea fortemente voluta dalla Figc. Spina ha inoltre ricordato le fertile attività dei “Primi calci” (circa una trentina di bambini iscritti che hanno trovato splendida ospitalità all’ ”Azteca” di Via Canapificio a Udine). Tita Pittini, anima, cuore e viscere del club ha infine squadernato gli obbiettivi per il prossimo campionato di serie B, dopo la felice esperienza dello scorso anno (quinto posto parziale, al momento dell’interruzione causa Covid): “Sarà un campionato durissimo, più di quello passato, con squadroni come Verona e Pordenone. Ma noi siamo l’Udine City: non viviamo di ricordi, abbiamo fame ed una grande autostima. Puntiamo ad un’annata di soddisfazioni, armati di “finta umiltà”, che ha come obbiettivo minimo i play off…”. Dietro i moschettieri agirà l’Under 19 allenata da Stefano Tomasino: il quale si moltiplicherà, dovendo pure difendere i pali della Prima squadra (che porterà sulle maglie il marchio ”RunLab”).

ESORDIO. Salvo sorprese – legate al virus strisciante – la “prima” è in programma sabato 17 ottobre, alle ore 16, al “Palacus” contro il Cornedo. Seguiranno le trasferte di…Pordenone e Verona: una partenza, quindi, tutt’altro che vellutata.