Calcio A 5 – Sbisà: “Serve un bagno di umiltà”

Foto Dozzi

«Un bagno di umiltà». Non usa mezzi termini mister Marco Sbisà, all’indomani della sconfitta interna col Palmanova, costata al suo Maccan Prata il primo ko stagionale e l’aggancio in vetta da parte del Pordenone. «Abbiamo chiuso il primo tempo in vantaggio pur non giocando benissimo – è l’analisi del tecnico –, con Morassi peraltro bravo a salvare tutto nel finale. Negli spogliatoi poi ho pregato i ragazzi di rientrare con la cattiveria giusta per chiudere la gara e invece siamo rientrati in campo con supponenza, credendo di averla già vinta».

Un approccio mentale sbagliato, insomma, alla base della sconfitta. «A livello mentale loro si sono dimostrati fortissimi – prosegue Sbisà –. Sul 4-4 poi noi avremmo dovuto tranquillizzarci per essere subito riusciti a reagire, e invece è partita la frenesia. Ma sono errori che una squadra con la nostra esperienza non può fare. Le partite non le vinciamo per i nomi o perché siamo primi in classifica, ma solo perché abbiamo più fame. Come ho già detto quest’anno il campionato è livellatissimo, si possono fare punti contro tutte le avversarie, ma si possono anche perdere contro ciascuna di esse: se perdi la fame, succede questo».

Ora l’imperativo è ripartire, senza accusare colpi. «La sconfitta mi stupisce anche perché avevamo fatto un ottimo lavoro in settimana, ma poco importa. Adesso – conclude il mister – dobbiamo resettare tutto: continuiamo ad essere primi a pari punti e dobbiamo pensare alla prossima, in cui abbiamo lo scontro diretto per il primato».