La New Team soffre ma conquista il titolo d’inverno

Rok Mordej, asso sloveno della New Team
Rok Mordej, asso sloveno della New Team

Con un po’ di sofferenza contro la Toniolo arriva la vittoria che serviva alla New Team per chiudere in vetta il girone di andata, a pari punti col Sestu ma davanti per aver vinto lo scontro diretto. In un match pirotecnico dove il cuore del team di casa ha colmato il gap tecnico tra le due contendenti, i biancazzurri partono male subendo subito il vantaggio di Intini al primo affondo dopo 52 secondi e il raddoppio di Zaninetti al 7’05’’.

La sveglia, però, non tarda ad arrivare e all’8’10’’ Mordej accorcia le distanze, prima che Spatafora sigli il pareggio al 9’27’’ e che lo stesso Mordej completi la rimonta portando in vantaggio i friulani al 9’51’’; prima del riposo c’è tempo anche per il 4-2 di Batata che mette al sicuro il punteggio al 13’26’’.

Nella ripresa la New Team non commette lo stesso errore della prima frazione e ancora Batata trova la via della quinta rete al 2’48’’, ma i lombardi non ci stanno e Zaninetti risponde subito al 3’06’’ riportando i suoi in partita. L’urto dei boys di Asquini quando spingono è letale e nell’arco di 36 secondi Cujec chiude virtualmente i conti con una doppietta tra il 7’41’’ e l’8’17’’ che fissa il punteggio sul 7-3. Sembra onestamente finita, ma il Milano è davvero una squadra che non molla mai e, complice una serie di errori da non credere in fase di finalizzazione dei friulani, inaspettatamente i padroni di casa tornano nel match in meno di 2’ appena dopo la metà del secondo tempo: all’11’10’’ Ghezzi riaccende la fiammella, all’11’49’’ Cuomo la alimenta e al 13’08’’ è vero fuoco con Zaninetti che porta i suoi sul 6-7.

La New Team  è carica di falli e il Milano si presenta due volte dal dischetto del tiro libero: Alonso respinge la prima conclusione e sulla seconda è straordinario a deviare sul palo, il resto lo fa Batata salvando sulla linea un tentativo locale. Al 18’12’’ la furia dei milanesi si placa per il secondo giallo a Cuomo che rimette la partita sui binari voluti dai friulani: la gestione della superiorità numerica è ottima, al 19’43’’ Teixeira chiude il match sfruttando l’uomo in più e al 19’54’’ c’è anche tempo per arrotondare il risultato con la tripletta di Mordej, assente la prossima settimana sul campo della Tridentina in quanto ammonito e già diffidato. Una vittoria che corona un girone d’andata da sogno con 10 vittorie e 2 sconfitte e il meritato titolo d’inverno.