Premier League: Arsenal, mai così male da 30 anni a questa parte

Olivier Giroud, attaccante dell’Arsenal

C’erano tutti i presupposti per i tifosi dell’Aston Villa per celebrare la fine del digiuno di vittorie contro il Manchester United al Villa Park, che ormai durava da 17 anni; ed invece anche in questo caso i Villans hanno dovuto cedere alla cabala e a nulla è valso il momentaneo 2-0. Grande protagonista della rimonta dei Red Devils è stato Chicharito Hernandez, autore di una doppietta alla quale si aggiunge la zampata decisiva sull’autorete di Vlaar. Per il messicano sono sette i gol messi a segno negli ultimi cinque incontri disputati. Un segnale importante per Ferguson che ora dovrà pensarci due volte prima di lasciarlo in panchina.

Alle spalle dello United, rallenta il Chelsea, bloccato sull’1-1 dal Liverpool. A preoccupare Di Matteo non è tanto il pareggio, quanto il brutto infortunio occorso a John Terry in occasione dello scontro con Suarez. Si temeva la rottura del crociato e stagione finita per il centrale dei blues; invece gli accertamenti hanno evidenziato una situazione molto meno grave del previsto. Per Terry si prospetta uno stop di circa un mese. Vince invece il City, grazie ad un’ottima prestazione di Dzeko, contro il Tottenham. A SuperMario Balotelli non resta che rosicare in panchina.

Continua nel peggiore dei modi la stagione dell’Arsenal: i Gunners non riescono più a vincere, nemmeno quando si vengono a creare tutti i presupposti per farlo, come nel caso del match contro il Fulham. Per gli uomini di Wenger si tratta del peggior inizio di stagione da trent’anni a questa parte. Nei bassifondi, è valsa solo un punto ma per il Norwich City sarà comunque una gara da ricordare: dopo 38 partite esterne consecutive con gol al passivo, i Canarini sono infatti riusciti nell’impresa di non incassare reti contro il Reading.

Per chiudere due news di mercato: nonostante l’interesse di diverse formazioni italiane, Davide Santon esclude categoricamente un suo ritorno a stretto giro nel Belpaese. Al Newcastle l’ex terzino dell’Inter si trova benissimo, tanto da essersi riguadagnato la convocazione di Prandelli in Nazionale. Resta corteggiatissimo anche il fantasista marocchino del QPR Adel Taarabt, ma in questo caso la sua permanenza in maglia biancazzurra sembra proprio da escludere.

 

I risultati e i marcatori dell’undicesimo turno di campionato:

Arsenal-Fulham 3-3: 11′ e 69′ Giroud (A), 23′ Podolski (A), 29′ e 67′ Berbatov (F), 40′ Kacaniklic (F).

Everton-Sunderland 2-1: 46′ Johnson (S), 77′ Fellaini (E), 79′ Jelavic (E).

Reading-Norwich City 0-0.

Southampton-Swansea 1-1: 65′ Schneiderlin (S), 73′ Dyer (Sw).

Stoke City-Qpr 1-0: 52′ Adam.

Wigan-Wba 1-2: 31′ Morrison (Wb), 43′ aut. Caldwell (Wb), 44′ Konè (Wi).

Aston Villa-Manchester United 2-3: 46′ e 50′ Weimann (A), 58′ e 87′ Hernandez (M), 63′ aut. Vlaar (M).

Manchester City-Tottenham 2-1: 21′ Caulker (T), 65′ Aguero (M), 88′ Dzeko (M).

Newcastle-West Ham 0-1: 38′ Nolan.

Chelsea-Liverpool 1-1: 20′ Terry (C), 73′ Suarez (L).

 

La classifica: Manchester United 27, Manchester City 25, Chelsea 24, Everton 20, Wba 20, West Ham 18, Tottenham 17, Arsenal 16, Fulham 16, Newcastle 14, Swansea 13, Stoke City 12, Liverpool 12, Wigan 11, Norwich City 11, Sunderland 9, Aston Villa 9, Reading 6, Southampton 5, Qpr 4.