Bum-bum Parisi, e la Graphistudio batte anche Perugia

Alice Parisi in maglia azzurra
Alice Parisi in maglia azzurra

Il recupero settimanale con il Grifo Perugia distoglie l’attenzione dal derby di campionato con il Chiasiellis, ma la Graphistudio non fallisce la prima missione “recuperi”. Nella formazione friulana, mister Rossi deve fare a meno di Camporese (squalificata), Martinelli (motivi di lavoro), Laterza (riposo) e Tuttino (non al meglio della condizione e ancora in panchina). Gettoni di presenza dall’inizio per Pochero, Del Prete e Usenich, quest’ultime utilizzate sulle corsie laterali.

Vince 2-0 la Graphistudio con una doppietta di una gigantesca Alice Parisi (ora a quota 18 goal). Succede tutto nella prima frazione di gioco. I ritmi sono bassi, il possesso palla è costantemente nelle mani della formazione locale, che risparmia si le energie in vista del derby, ma dosa bene la qualità del gioco come da copione. In casa, la squadra friulana continua a dettar legge, e la nona vittoria vale l’aggancio al Brescia.

La cronaca. Le locali vanno già vicine al vantaggio dopo soli 40 secondi con un tiro a giro di Brumana ma Monsignori salva in angolo con la punta delle dita. Al 14′ seconda azione “caliente” delle gialloblu: Zuliani avvia, Brumana tocca appena, e in fase terminale Usenich di testa, sul secondo palo si divora la rete del vantaggio. Al 18′ altra occasione da semaforo verde non capitalizzata: perfetto filtrante centrale di Brumana ma il pallonetto di Zuliani sorvola di poco l’incrocio dei pali.

Dieci minuti più tardi, montante centrato da Rodella da fuori area. Il vantaggio arriva al 30′: Parisi recupera palla, s’accentra e con un tiro preciso non lascia scampo a Monsignori. Il 2-0 si registra al 33′: è ancora la trentina a gonfiare la rete, di punta (un colpo da calcetto), dopo un’azione caotica non sfruttata da Usenich e Brumana. Il primo tempo termina 2-0. Nella ripresa, è sempre il Tavagnacco a far la partita. Entrambe le squadre, effettuano tutte le sostituzioni. La squadra di Rossi cerca la terza rete in più occasioni, ma Zandomenichi e Bonetti non hanno fortuna.