Champions: primo step al Tavagnacco, 3-2 alle danesi

graphistudio tavagnacco1Lo 0 -2 della prima mezz’ora al Comunale di Tavagnacco a favore delle danesi del Fortuna Hjorring (la cui dirigenza in mattinata aveva presentato reclamo all’Uefa per le dimensioni del campo, largo 61 metri anziché 66) pareva il preludio ad un’irrimediabile goleada, invece le ragazze di Marco Rossi hanno saputo rimboccarsi le maniche e rovesciare il risultato, preparandosi al match di ritorno di mercoledì prossimo in Scandinavia con un pizzico di speranza in più di superare il turno contro un avversario fisico e tecnico ma punito anche dalla presunzione.

Il Tavagnacco si è schierato con Penzo tra i pali, un quartetto difensivo formato da Martinelli e Rodella esterne e Bissoli e Laterza centrali, centrocampo con Vicchiarello, Tuttino, Parisi e Bonetti e Brumana e Camporese in proiezione offensiva.

LE RETI –  vantaggio danese al 15’, con Spanu che dal limite infila rasoterra Penzo. Raddoppio scandinavo alla mezz’ora, con Laterza che si fa rubare il pallone sulla sinistra, al limite dell’area, da Arnth che infila in rete sul palo lontano. Accorcia le distanze 5’ dopo Camporese, che di testa devia in rete un centro di Vicchiarello. Pari in pieno recupero con Tuttino, che al volo mette dentro un pallone proveniente da calcio d’angolo. A un quarto d’ora dal termine la bujese Zuliani, subentrata a Bonetti, conclude in gol una brillante azione personale.

I COMMENTI – Brian Serensen (allenatore del Fortuna): “Non è un buon risultato per noi ma due gol in trasferta ci mettono comunque in condizione favorevole per la gara di ritorno, che sarà un’altra partita. Temiamo la loro velocità ma ci organizzeremo”. Marco Rossi (allenatore Tavagnacco): “Grande la nostra reazione dopo il doppio svantaggio. Abbiamo difeso ordinatamente, colpendo in ripartenza e sfruttando al meglio le occasioni. Possibilità di superare il turno? 50% a testa”. Alessia Tuttino (giocatrice Tavagnacco): “Al ritorno ci attaccheranno intensamente, è prevedibile, ma noi non siamo una squadra attendista e ce la giocheremo come sappiamo. Abbiamo subito due gol più per demerito nostro che per merito loro e ci siamo rese conto che sappiamo far loro male”. Elisa Camporese (giocatrice Tavagnacco): “La miglior difesa è l’attacco, questa è la nostra filosofia, e così faremo anche al ritorno in Danimarca. Abbiamo giocato compatte, di squadra, e la comunicazione tra i reparti ha fatto la differenza”. (Edi Fabris)