Graphistudio: sesta vittoria consecutiva

Graphistudio Tavagnacco4Soffre, va sotto, si rialza e ribalta il risultato. La Graphistudio piega il Mozzanica e dimostra di avere il dna della grande squadra. Sei su sei: missione compiuta e Torres raggiunta in testa. Una gara al cardiopalma, condita da due clamorose traverse di Bonetti, un salvataggio sulla linea di Piva, per una gara che sarebbe potuta finire con ulteriori reti.

L’avvio della squadra ospite mette subito in chiaro che per il Tavagnacco sarà tutt’altro che una passeggiatta. Fracassetti infoltisce il centrocampo nel tentativo di inaridire le fonti di gioco friulane ma la Grasphistudio amministra bene la sfera affidandosi al fraseggio corto e alle giocate di prima. Il campo è pesante, e questo penalizza maggiormente le ragazze di Rossi. Al 4′ primo tiro telefonato ospite da fuori di Brambilla. Al 12′ Bissoli cincischia troppo ma Giacinti non capitalizza la chance.

Tavagnacco che risponde al 13′ con Parisi ma la trentina, invece di tirare in porta, serve nel mezzo con l’azione che sfuma. Graphistudio che va vicina al goal al 18’con Camporese (colpo di testa) ma sulla linea è provvidenziale Piva a salvare. Il goal arriva al 22′: punizione centrale dal limite di Brumana, palla lenta che scende sul primo palo e che gonfia la rete. Due minuti dopo, corner gialloblu, sugli sviluppi, Tuttino mette in mezzo e Brumana stacca di testa malamente.

Il Mozzanica non sta a guardare, infatti, al 33′ Giacinti ci prova(senza fortuna) in contropiede dopo errore nella mediana bassa di Tuttino-Camporese, mentre al 43′ è decisiva Penzo salvando in corner su Mauri. Primo tempo che termina 1-0. Nella ripresa, l’avvio è da infarto: il Mozzanica, con due azioni di rimessa, nel giro di quattro minuti ribalta il risultato con Riboldi al 1′ (diagonale rasoterra nell’area piccola su assist di Scarpellini) e Giacinti al 3′ ( tap in vincente a due passi dalla porta, dopo tiro di Mauri dalla distanza che incoccia sulla traversa). Il black-out gialloblu non dura. E’ solo un fuoco di paglia. E qui, si vede tutta la qualità della compagine friulana che ragiona sempre di più da big.

Al 12′ su corner, colpo di testa di Camporese che viene deviato dalla schiena di Spinelli. E’ il goal del 2-2. Il match s’infiamma. Al 22′ Gritti si supera su Rodella deviando di ginocchio ed evitando il 3-2 friulano. Il Tavagnacco cresce, al 27′ Bonetti con un gran tiro da manuale colpisce il montante, replicando al 32′ su servizio di Brumana. Al 36′ Gritti pasticcia, abbattendo Brumana al limite: rosso, ospiti in dieci, punizione che il capitano comasco magistralmente realizza. E’ 3-2. Nel finale, Orlando evita il tracollo salvando su Parisi.