Supercoppa amara per la Graphistudio Tavagnacco

graphistudio tavagnacco supercoppaAncora una volta la Torres resta un tabù per il Tavagnacco, che esce sconfitto nel match valido per la Supercoppa Italiana. Le friulane rimontano il gol di Pamela Conti con una gemma dalla distanza di Alessia Tuttino ma in avvio di ripresa un errore di Pochero regala a Panico il nuovo vantaggio che la squadra di Manuela Tesse amministra fino al triplice fischio dell’arbitro.

L’undici iniziale varato da mister Rossi è frutto dell’indicazioni dell’ultima settimana, con Pochero per Laterza e Martinelli in panchina a favore di Bischi. Zuliani sulle fasce è l’arma tattica che il tecnico gialloblu mette in campo nel tentativo di arginare Conti e l’avvio di gara è all’insegna dell’equilibrio. Ci vuole una magia di Pamela Conti per sbloccare la situazione (25′) ma il Tavagnacco è pronto a ribattere con una splendida azione finalizzata da Bonetti per il destro chirurgico di Tuttino che non lascia scampo a Tallman. Le due squadre non riescono a superarsi e allora si deve attendere il 54′ per assistere all’episodio che decide il match indirizzando la coppa verso la Sardegna. Pochero non riesce ad agganciare un pallone centrale favorendo Panico che supera Penzo in uscita per il nuovo vantaggio rossoblu.

Rossi rivoluziona l’assetto tattico con gli innesti di Zandomenichi e Vicchiarello ma il nuovo aggancio non riesce. La Graphistudio deve inchinarsi nuovamente di fronte alle campionesse d’Italia; il 2-1 per la Torres, vale l’ennesimo trofeo per il presidente Marras mentre in casa friulana resta il rammarico per una partita giocata alla pari e per quel pizzico di buona sorte che ancora una volta è mancato.