Maccan Prata, buon pari contro il Mestre

Certo due punti in più avrebbero fatto più comodo, anche per interrompere la serie di gare senza successi che è invece andata a prolungarsi a sei incontri; ma vista la piega che aveva preso l’incontro nel finale, e il conseguente pericolo di vedere la diretta avversaria volare a +4, alla fine, va anche bene così.

Tradotto, finisce 7-7 lo scontro diretto del PalaFranchetti fra Città di Mestre e Maccan Prata, coi gialloneri avanti in finale di primo tempo e per tutta la prima fase della ripresa, salvo poi ritrovarsi sotto di due gol a 1’39’’ dal termine e recuperare definitivamente a solo 3’’ dalla sirena. Un pari che tiene gli uomini di Salfa in quinta posizione, un punto sotto agli stessi mestrini e un punto sopra ai “cugini” del Pordenone.

Gara che stenta a decollare, ma che quando decolla non si ferma più. Solo a 13’40’’ il risultato si sblocca con il vantaggio locale di Gastaldello. Buriola rimedia a 17’00’’ e quindi Štendler e Vulikic ribaltano il parziale a 17’34’’ e 19’24’’. Gli arancioneri, che a 4’’ dalla prima sirena accorciano con Zakouni, si vedono ricacciare indietro nella ripresa a 5’48’’ da un rigore di Vulikic, procurato da lui stesso. Poi però il quintetto di Frizzieri rinviene. Digão e Vettore riequilibrano l’incontro fra 6’23’’ e 7’08’’; Vulikic, a 10’20’’, riesce a riportare il Maccan avanti nel parziale, poi il crollo. Ancora Vettore a 11’43’’, Gastaldello a 13’48’’ e infine nuovamente Digão a 18’21’’ scavano il solco che pare decisivo, ma senza fare i conti con la determinazione dei gialloneri, Štendler su tutti. È il numero 11, infatti, a riaccendere la speranza a 18’38’’; ed è sempre lui, a 19’57’’, a firmare l’ormai insperato pareggio.