Arti marziali cinesi. Sbanca la Weisong School all’European Confucius Institute Wushu Cup

Ancora successi internazionali per la Weisong School Libertas Pordenone. Gli allievi del maestro Liu Yuwei conquistano infatti ben 16 medaglie all’European Confucius Institute Wushu Cup che si è tenuta dall’8 al 10 novembre in Bielorussia.

La scuola pordenonese di arti marziali cinesi, in collaborazione con l’Istituto Confucio e l’Università di Padova, ha offerto come al solito straordinarie performances all’arena di atletica leggera di BSUFK, che ha riunito oltre 450 partecipanti provenienti da Bielorussia, Russia, Ucraina, Portogallo, Italia e Cina.

Nella specialità taolu brilla d’oro per ben quattro volte Greta Mellina; Michele Ruppolo si fregia invece di 3 ori 1 bronzo. Quattro piazze d’onore per Andrea Colin, in ottima compagnia con l’oro di Marta Zillet, l’argento e il bronzo di Daniele Riga, e il bronzo di Amon Montagner.

I numerosi successi dei pordenonesi sono avvenuti anche questa volta di fronte ad un parterre di tutto rispetto. Alla cerimonia di apertura hanno infatti partecipato il vice-rettore per gli affari accademici BSUFK Vladimir Klinov, il consigliere e addetto stampa dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese in Bielorussia Chen Weiwei, il primo segretario per l’istruzione dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese Li Wenhua, il 14 volte campione del mondo in Muay Thai e K-1, campione della Bielorussia Wushu nella sezione Sanda Chingiz Allazov, il vice presidente della federazione bielorussa Wushu Nikolay Tychko, il direttore della classe Kon Futsia BSUFK Natalia Kosteeva e Song Peng.