Atletica – Cresce l’attesa per l’edizione 2021 di Udin Jump Development

Alessandro Talotti, Mario Gasparetto, Massimo Di Giorgio hanno deciso di portare l’asticella ancora più in alto: l’edizione 2021 del meeting Udin Jump Development, in programma nel pomeriggio di mercoledì 27 gennaio al palaIndoor “Ovidio Bernes” di Paderno, alle porte di Udine, garantirà diverse chicche e novità clamorose: torna a trovarci l’amico Javier Sotomayor, la diretta televisiva della Rai, il talk show dei campioni, la presenza della Nazionale italiana, oltre a un cast di atleti in gara di livello mondiale.

Era già stata ufficializzata la presenza, nella gara femminile, della stellina ucraina Yaroslava Mahuchykh, pluricampionessa mondiale giovanile, vicecampionessa iridata in carica e atleta già capace di saltare 2.02 pochi giorni fa. Accanto a lei, le protagoniste azzurre Alessia Trost, Elena Vallortigara, Idea Pieroni ed Erika Furlani e la vincitrice di Udin Jump 2020, la slovena Marusa Cernjul.

Il meeting 2021 avrà un roster incredibile anche nella gara maschile, alla quale parteciperanno l’ucraino Andrij Procenko, saltatore da 2.40 e vincitore della Diamond League 2020, il bahamense Donald Thomas, già iridato nel 2006 e capace di un personale di 2,37 metri, saltatori da 2.33 come il cubano Luis Zayas e l’azzurro Stefano Sottile, il portoricano Luis Castro Rivera (2,29 di personal best), i giovani austriaci Lionel Strasser (pb 2,10), Andreas Steinmetz (pb 2,17) e Ben Henkes (pb 2,14), tutti allenati dall’ex iridata Inha Babakova, il gemonese Simone Dal Zilio, campione italiano indoor under 20, con un personale di 2,09, e poi ancora gli azzurri Eugenio Meloni (pb 2,21, Mattia Furlani (pb 2,10), e Manuel Lando (pb 2,16), quest’ultimo già protagonista nella scorsa edizione del meeting di Gemona.

Per le regole anti-covid, anche Udin Jump Development 2021 sarà a porte rigorosamente chiuse per tutti gli appassionati. Per i quali gli organizzatori hanno riservato la seconda novità importante: la diretta televisiva proposta dalla Rai, che metterà in onda sul canale RaiSport dalle ore 15 00 novanta minuti della competizione femminile e dalle 18 00 novanta minuti della competizione maschile, assicurando inoltre la diretta streaming integrale sul canale RaiPlay. Una fantastica opportunità mediatica per seguire quello che si preannuncia già come uno dei meeting internazionali più importanti della stagione pre-olimpica.

La terza novità, questa imperdibile anche per chi non mastica il salto in alto, è rappresentata dalla presenza del mitico Javier Sotomayor, semplicemente il più grande saltatore in alto di tutti i tempi, recordman mondiale con il 2,45 saltato a Salamanca nel 1993, oggi segretario della Federazione di Atletica cubana. Dodici mesi dopo, il popolare “Soto” tornerà in Friuli per partecipare a Udin Jump Development in qualità di ambasciatore dell’Atletica. L’idea del neo-presidente del Comitato regionale della Fidal del Friuli Venezia Giulia, Massimo Di Giorgio, è quella di creare un ideale ponte tra la nostra Regione e Cuba, costituendo un gemellaggio che favorisca l’interscambio di iniziative legate all’atletica e al salto in alto in particolare.

Proprio Sotomayor, assieme a Inha Babakova, sarà anche il protagonista del Talk Show che si svilupperà, tra la fine della gara femminile e l’inizio della gara maschile, e che sarà un irrinunciabile opportunità per capire dalla viva voce dei campioni gli insegnamenti, i consigli, gli aneddoti e i pensieri che solo una carriera internazionale di altissimo livello come la loro può offrire.

Nell’ultima settimana di gennaio 2021, Udine sarà dunque la capitale italiana del salto in alto. Non solo con Udin Jump Development. In contemporanea con il meeting, sarà in ritiro Là di Moret anche la nazionale di salto in alto che, si allenerà al PalaBernes dal 26 al 31 gennaio.

Al palaBernes, la gara femminile inizierà mercoledì 27 alle 14.30, con la progressione dei salti che partirà da quota 1,70 metri. Alla fine della competizione femminile, come preannunciato, si svolgerà il talk show con la Babakova e Sotomayor relatori d’eccezione. Alle 17.20 circa inizierà la gara maschile, partendo da quota 2 metri.