Auto storiche: riconoscimento a Enrico Lena

Enrico LenaConferito un riconoscimento ufficiale da parte del Comune di Trieste al Socio del Club dei Venti all’Ora di Trieste Enrico Lena per le brillanti vittorie ai Campionati Europeo e Italiano di Velocità in salita per autovetture storiche 2015. La premiazione da parte dell’assessore comunale allo Sport Edi Kraus in un’affollata Sala Bobi Bazlen di Palazzo Gopcevich è avvenuta sabato 26 marzo 2016, alla vigilia dell’edizione 2016 della Trieste Opicina Historic, in programma dall’1 al 3 aprile a Trieste e provincia, che coincide con i 105 anni della corsa automobilistica di velocità, disputata per la prima volta nel 1911 e i 55 anni del Club dei Venti all’Ora, fondato nel 1961. Consegnata una targa anche al meccanico, Fabrizio Maschietto.

Sabato 26 marzo 2016 in un’affollata Sala Bobi Bazlen di Palazzo Gopcevich, il Comune di Trieste, per mano dell’assessore allo Sviluppo ed Attività Economiche e Sport, Edi Kraus, ha conferito al Socio del Club dei Venti all’Ora di Trieste, Enrico Lena, un riconoscimento ufficiale per le brillanti vittorie ai Campionati Europeo ed Italiano di velocità in salita 2015 per autovetture storiche.

Ricevuta dal Club dei venti all’Ora la segnalazione della prestigiosa vittoria – ha esordito Kraus – ho proposto alla Giunta, che ha votato sì all’unanimità, di tributargli un riconoscimento. Ricordo Lena fin da giovanissimo per averci giocato a basket prima da avversario, poi diventando insieme vicecampioni italiani ai Campionati universitari di Rieti, sconfitti 72 a 71 da Torino. Lena si è sempre dimostrato un avversario tenace e combattivo, leale e coraggioso. Dopo aver praticato molti sport in gioventù – ha ricordato Kraus – in età adulta si è dedicato alla passione motoristica, prima nelle moto e da una decina d’auto nelle auto da corsa”.

Tra i migliori risultati di Lena, si segnalano anche la vittoria nel Campionato Triveneto del 2013, il terzo posto al Campionato Europeo e il secondo al Campionato Cntroeuropeo nel 2014.

Lena, ringraziando per il premio il Comune e complimentandosi con il Club per i continui progressi registrati negli ultimi anni, ha voluto ricordare lo sponsor, Silvano Peric (Delfino Verde Navigazione) e il proprio meccanico e amico di mille avventure, Fabrizio Maschietto. “Per vincere devi avere una macchina veloce e affidabile e lui, anche nelle situazioni più difficili, di notte e al buio, mi ha sempre messo in grado di correre. Una volta è riuscito a sostituire un motorino d’avviamento in soli 8 minuti sulla linea di partenza”.

Il Club dei Venti all’Ora – ha spiegato con orgoglio il Presidente, Francesco Di Lauro – annovera tra i suoi Soci per lo più collezionisti di auto storiche e regolaristi, ma da qualche tempo alcuni Soci partecipano anche a competizioni di velocità o rally. In particolare, Enrico Lena si sta dedicando da anni, con meticolosità e costanza, alla disciplina della Velocità in salita per auto storiche, fedele al DNA presente in tutti noi proprio a seguito della Trieste Opicina che ci ha plasmato da giovani. Già lo scorso anno, si era avvicinato al gradino più alto del podio, ma è stato nel 2015 che la sua determinazione ha avuto la meglio sui forti avversari di tutta Europa, valendogli una pioggia di titoli: Europeo, Italiano e CEZ (Central European Zone). Enrico era stato premiato in dicembre a Zagabria da Jean Todt in persona, ora suprema autorità della FIA e indimenticato Team manager Ferrari. La sua vettura, sempre la stessa da alcune stagioni, è un’affidabilissima, agile ed evidentemente assai veloce Lancia Fulvia HF 1600, preparata a Trieste da Marchesi e mantenuta da Fabrizio Maschietto, altro encomiabile Socio del Club che ha costituito per tutta la stagione l’indispensabile spalla di Enrico. Il team vincente è tutto lì: due persone in tutto, un pilota e un meccanico/factotum: a

dimostrazione che si può riuscire ancora ad ottenere grandi risultati con lo spirito di una volta, senza assistenze faraoniche e processioni di furgoni al seguito. Ingredienti principali, rimagono la passione e lo spirito di sacrificio, in quanto le trasferte in tutta Europa, quando si ha un lavoro che aspetta a Trieste, diventano dei veri e propri tour de force. I miei complimenti e le felicitazioni di tutto il Club al nostro illustre Socio e Campione”.

Di Lauro ha quindi consegnato una targa anche a Maschietto e ringraziato il Comune per aver adottato la Trieste-Opicina Historic, consentendo alla storica corsa di crescere fino all’attuale livello e ricordato la prossima edizione, in programma dall’1 al 3 aprile a Trieste e provincia, con arrivo sabato 2 a Opicina, dove dall’anno passato è accolta con grandi festeggiamenti e una ricca serie di iniziative che, grazie al Consorzio Centro In via Insieme a Opicina presieduto da Nadia Bellina, si svolgono nel centro della borgata carsica appositamente pedonalizzato, incontrando il favore di pubblico e piloti. “L’edizione del 2016 – ha concluso rimandando alla conferenza stampa di presentazione che si terrà nella stessa sala il 30 marzo alle ore 11.30 – rappresenta un momento ancora maggiore di festa, in quanto coincide con i 105 anni della corsa automobilistica di velocità, disputata per la prima volta nel 1911 e i 55 anni del Club dei Venti all’Ora, fondato nel 1961”.