Battig mattatore del Campionato Enduro in Cile

battig lignano 2
Alessandro Battig

La prima prova del Campionato Mondiale Enduro 2015, svoltasi a Talca in Cile su due prove, ha visto protagonista il giovane pilota del Moto Club Trieste Alessandro Battig, unico italiano vincitore di categoria nelle due giornate.

Terminato quarto per pochi decimi nella competizione di sabato a causa di una scivolata nell’ultima prova speciale della giornata, il pilota della Honda 250 Jolly-Zanardo ha condotto una gara sbalorditiva nel giorno successivo, vincendo d’autorità quasi tutte le “speciali” e portandosi al comando nella graduatoria iridata della classe EJ (Juniores) davanti al connazionale Redondi, pilota ufficiale della Beta, e del britannico Mc Canney, pilota ufficiale della Husqvarna. Il compagno di scuderia di Battig, l’ex iridato Alex Salvini è stato terzo in antrambe le gionate nella classe E2, quella delle potenti 500 cc, nella quale, come nelle altre categorie, hanno prevalso i campioni francesi e finlandesi. Le altre sette prove mondiali si alterneranno, nei prossimi mesi, a quelle del Campionato Assoluto d’Italia nel quale Battig – dopo la vittoria a Lignano e il secondo posto all Elba – era scivolato al secondo posto della graduatoria della E1 (250 4T) per gli inconvenienti patiti nella gara di Spoleto che lo avevano relegato alla quarta posizione in quella singola gara. Le brillanti prestazioni dell’ex motocrossista sono avvalorate dalla non piena competitività della sua 250, meno accreditata tra le concorrenti di quanto non sia la 450 di Salvini.

I prossimi appuntamenti iridati sono il Grand Premio di Spagna e quello del Portogallo– entrambi in maggio – dove le fortissime squadre iberiche e francesi godono dei migliori pronostici.

Come al solito si sono fatti onore, domenica scorsa, anche gli altri enduristi del club triestino che hanno partecipato alla prova di Campionato Italiano Major tenutasi a Castel di Tora, in provincia di Rieti, conquistando il secondo posto nella classifica a squadre soprattutto per merito degli esperti Hriaz, Cabass e Chiavelli.