Bocce – Alex Zoia, il ragazzo d’oro mondiale

Alex Zoia, il ventenne di Spilimbergo, ha conquistato il titolo iridato di bocce nella specialità di coppia assieme a Matteo Mana.

Al Palaravizza di Alassio (SV), alla presenza di un numerosissimo pubblico, con le telecamere della Rai e Mediaset, si eleva un coro ad ogni giocata vincente del tandem italiano: superata la Serbia in semifinale per 7-4, la finale contro i temibili transalpini sembrava un ostacolo davvero arduo, invece, Alex e Matteo tanto in accosto quanto in bocciata, sono stati perfetti e non hanno dato scampo agli avversari vincendo per 13-0. Alex, si è voluto rifare dalla prova precedente, dove assieme a Ivan Soligon (prossimo compagno di club con la Marenese) ha disputato la finale sempre contro la Francia nel tiro rapido a staffetta. Dopo i 5 minuti regolamentari di corsa, lo score Italia si fermava sul 52/59 contro i 55/59 dei francesi Bourrin-Seve.

Alex, i mondiali si sono svolti dal 24 al 28, sei stato schierato in due prove e due medaglie hai vinto. Sono stati per te cinque giorni di fuoco? “Si si, fare due prove è stato davvero faticoso, impegnativo – conferma Alex – , sveglia presto per essere pronti alle 8 del mattino e tutte le varie prove tra corse e partite di coppia mi ha davvero massacrato, per fortuna che ho potuto contare sulla massaggiatrice e sul preparatore atletico friulano Dario Campana, i quali mi hanno sempre preparato per affrontare le prove al meglio.”

A casa ti porti belle sensazioni, c’è la possibilità di riviverle? “Eh magari! – sorride Alex –  dopo l’europeo vinto lo scorso anno, fa sempre piacere cantare l’inno di Mameli stando sul podio, chissà non si ripeti la storia… comunque a casa oltre alle due prestigiose medaglie mi porto tanta esperienza e una maggior fiducia nelle mie potenzialità, creatasi dalla sinergia avuta con Matteo e con Ivan oltre che con l’ambiente Italia.”

La nazionale italiana complessivamente porta a casa 4 ori (Mana nel tiro progressivo U23, Graziano nel tiro di precisione U23 e coppia U18 con Falconieri-Mana, oltre a quello già citato), un argento e un bronzo nel tiro a staffetta U18 con Aliprandi-Sciutto.

Tra i direttori di gara internazionali presenti alla kermesse c’era anche il gemonese Eros Del Bianco. (gb)