Doppio successo per Vidali all’A1st di Villanova

Giovanni Feriani in azione a Campo di Bonis
Giovanni Feriani in azione a Campo di Bonis
Giovanni Feriani in azione a Campo di Bonis

Negli scorsi giorni si è tenuto uno degli appuntamenti ippici più importanti a livello regionale. Il riferimento è al concorso nazionale di salto ostacoli “A1st” andato in scena a Villanova di San Daniele, che ha visto la partecipazione di centinaia di partenti arrivati in Friuli per una kermesse di grande fascino e sicuro interesse agonistico.

La lista dei risultati è lunga, visto l’alto numero di binomi in gara, ma qui la sintetizziamo analizzando i vincitori delle singole categorie. In una di quelle più attese, se non altro per l’altezza degli ostacoli (C125), si è imposta due volte Ludovica Vidali su Sgrim e una volta Alberto Sclauzero su Lamalushi; nella 130 primi posti per Marco Coana con il suo Gyrandola, Michele Facchin su Rubin-Star, Giuliano Paciotti con Santerino e Aldo Intagliata con Bisidora, mentre nella 120 davanti a tutti si sono piazzati Alessandro Borgna con Arkano, Luca Piccin con Daffi e Matteo Zacchigna con Modena-Tetti.

Nell’affollata C115, prima posizione per l’ottima Lucrezia Luciana (Silverlea Skye), Irene Pancotto (Dreamer) e Giovanna De Pieri su Roc’n’rol De la Roque; nell’ancor più partecipata B110 si sono imposti Valentina Sartor con Clif, Luigi De Monte su Utopie e Matilde Rossini assieme a Kec Aldiva, mentre nella 100 Paola Tramarin sul suo Pepsy d’Escamps si è tolta la soddisfazione di giungere davanti agli altri 26 partenti, così come Adele Sello, nella stessa gara del giorno precedente, ha sbaragliato i 31 concorrenti assieme a Nathalia H, e Carlotta Mason su Norbelle ha conquistato la prima piazza nella giornata inaugurale.

Nel frattempo, in quest’ultimo week-end è andata in scena in Austria la quarta tappa dell’Alpe Adria Eventy Trophy di completo, che ha visto la partecipazione di ben 15 cavalieri italiani, di questi ben 8 appartenenti al team di Campo di Bonis ed una manciata tesserati per la Rosandra. I rappresentanti regionali, ai quali si sono uniti altri quattro atleti del Veneto, si sono fatti valere nei rettangoli mentre in cross e in salto ostacoli i padroni di casa d’oltralpe sono apparsi superiori.