Enduro – Battig e Collovigh chiudono bene gli Assoluti d’Italia

Si è concluso sulla riviera ligure di ponente, ad Arma di Taggia (IM), il cammino del Campionato Assoluti d’Italia e Coppa Italia di enduro che ha visto durante il week end appena trascorso proclamare i suoi vincitori dopo una non facile stagione dovuta all’emergenza Covid-19 la quale ha messo i bastoni letteralmente tra le ruote ai club organizzatori ed al promoter Italiano Enduro: la 7^ e 8^ prova 2020 allestita dal Moto Club Sanremo. egregiamente e con attenzione ai protocolli sanitari, incorona quindi pure il lavoro della FMI e del promoter veneto.

Classico il format dell’evento con un tracciato di 45 km. da ripetere 4 volte il sabato e 3 la domenica, due controlli orari con assistenza (al paddock e presso il campo di motocross di Beuzi) e 3 prove speciali a tornata: 1500 mt. per il cross test in località Riva Ligure con sassi e prato, 3000 mt per lExtreme test in Regione Castelletti su terreno duro e 4500 mt. per l’enduro test di Beuzi pure su fondo consistente.

Giudicato molto bello il tutto che aiutato da un meteo favorevole e dalla folta partecipazione di forti piloti nazionali e molti di caratura mondiale ha calato il sipario sul massimo campionato tricolore nel migliore dei modi.

Immancabile, in tale contesto, la presenza dei drivers del Moto Club Trieste Alessandro Battig (Honda 450 4T Team Specia Honda Red Moto) e Pietro Collovigh (Beta 300 2T RS Moto di Udine e Trieste) rispettivamente nelle classi 450 4T e 300 2T.

Molto bene l’avvio del sabato per Battig che incappa, nel corso del secondo test enduro, in una scivolata che lo costringe a rincorrere e concludere 3°la giornata.

Grande combattente si rivela alla domenica alternandosi nelle prime tre posizioni con i due principali avversari: taglia il traguardo di nuovo al 3° posto evidenziando con la 20^ casella nella classifica assoluta una corsa di elevato spessore. Nella graduatoria finale del tricolore è 4° frenato nel risultato complessivo dall’infortunio di metà stagione.

Buon avvio, nella prima giornata, anche per Collovigh che con un ritmo regolare e guida attenta stacca la 10^ posizione.

Alla ripartenza della domenica si dimostra più tonico e questo lo porta al 9° posto dopo i tre giri previsti che lo portano così a risalire nell’assoluta di alcune posizioni: l’impegno profuso nella stagione lo vede 8° nel tricolore di una categoria composta da buone “manette”.