In 150 ai Play the Games di Special Olympics

special olympics 2016Si sono svolti a Maniago i primi Play the Games di Special Olympics, gare nazionali di Nuoto per ragazzi con disabilità intellettiva, con il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia e la collaborazione del comitato regionale CSEN FVG. 150 gli atleti che hanno partecipato alla manifestazione dall’italia settentrionale, l’organizzazione curata dal direttore regionale Giuliano Clinori e lo staff tecnico Daniy Contin. Elda Del Do, Bicciato e Alessandro Ivaldi è stata perfetta, infatti tutti i partecipanti e accompagnatori sono rimasti molto soddisfatti sia dell’accoglienza, delle strutture e dell’organizzazione tecnica.

Al sabato si sono svolte le qualificazioni e alcune finali di diverse specialità del nuoto dalla staffetta, rana dorso ecc e alla sera dopo la cena presso il palazzetto dello sport di Maniago si è svolta la cerimonia di apertura con l’accensione della fiaccola olimpica.

Presenti tra le autorità il sindaco di Maniago Andrea Carli l’assessore allo sport Massimo Scrofani, il consigliere regionale Armando Zecchinon, il membro della giunta regionale Paolo Panontin, il presidente del CIP regionale Marinaìella D’Ambrosio,la direttrice del Veneto Betty Pusiol e il tecnico Nazionale Lucia Zilberti.

13 le società presenti: Terraglio Veneto, Natatorium Treviso, Polipo sportivo Cividale, Acquamarina Trieste, Oltre lo sport Udine, Step Abano, Gymnasium special Team Pordenone, Sport Life Veneto, Carnia Special team Gemona, Agre Venezia, Aspea Padova, Brianza Tremolada e associazione Giuliano Shultz di Medea (GO)

Dopo l’accensione della fiaccola Olimpica e la sfilata delle delegazioni presenti, la rappresentante degli atleti del FVG, Valentina Cepak di Trieste ha letto il giuramento dell’atleta, a seguire i saluti delle autorità molto sentiti e fatti con il cuore e poi le esibizioni, Hanno aperto lo spettacolo la ginnastica ritmica con le campionesse dell’ASU che hanno voluto omaggiare questa manifestazione facendo una spettacolare esibizione, Pilosio Beatrice, Stroppolo Nicole e Cosatti Enrica che hanno letteralmente entusiasmato gli atleti, poi a seguire i Danzerini Maniaghesi hanno portato alcune danze tradizionali Friulane e al termine poi tutti insieme hanno ballato e festeggiato tecnici atleti e dirigenti in un clima festoso e felice.

Molte le medaglie per gli atleti Friulani che hanno ben figurato in diverse specialità facendo anche dei tempi significativi e speriamo che vengano tenuti in considerazione per i prossimi mondiali di Special Olympics, tutti i risultati sul sito e sulla pagina Facebook di Special Olympics FVG.

La manifestazione ha avuto dei momenti veramente toccanti sia nel vedere la determinazione degli atleti a dare il massimo sia per l’affetto e gli abbracci che non finivano più di scambiarsi.  Un ringraziamento particolare al Banco Popolare alle piscine di  Maniago Nuoto e alla Naonis  viaggi  per la collaborazione e il supporto.

Si ripete anche quest’anno la formula dei “Play the Games”. Un lungo appuntamento con lo sport, costituito da 18 Eventi programmati in vari week-end da aprile a settembre, che prevede diverse tappe su tutto il territorio nazionale. Si tratta di un unico grande evento che attraversa l’Italia, diventando un prezioso strumento per sensibilizzare vari territori, diffondere la conoscenza sulla disabilità intellettiva ed educare i più giovani alla comprensione e alla valorizzazione della diversità in ogni sua più ampia espressione.

Sperimentati per la prima volta lo scorso anno, i Play the Games trasformano i Giochi Nazionali in tanti appuntamenti interregionali che abbracciano tutta l’Italia. Un modo per aumentare le opportunità di partecipazione per un numero crescente di Atleti e di sensibilizzare in maniera più profonda il territorio ai temi della disabilità intellettiva e dell’inclusione. La partecipazione ai Play The Games, ovvero ai Giochi Regionali in loro assenza, sarà ritenuta valida per valutare il percorso utile all’individuazione degli Atleti per i prossimi eventi internazionali. Per chi ancora non lo sapesse Special Olympics è un programma internazionale di allenamento sportivo e competizioni atletiche per le persone, ragazzi ed adulti, con disabilità intellettiva. Nel mondo sono oltre 170 i paesi che adottano il programma-Special-Olympics.

Il giuramento dell’Atleta Special Olympics è: “Che io possa vincere, ma se non riuscissi che io possa tentare con tutte le mie forze”. Ogni anno una rappresentativa italiana viene chiamata a partecipare alternativamente ai Giochi Mondiali (Invernali o Estivi) o a quelli Europei. i suoi programmi sono adottati in più di 170 Paesi. Si calcola che nel mondo ci siano 4.427.447 Atleti più di 4.000.000 i membri di famiglie e 1.364.144 i volontari che ogni anno collaborano alla riuscita di 81.129 grandi eventi nel mondo. Special Olympics Inc è riconosciuto dal Comitato Olimpico Internazionale, così come il Comitato Paralimpico.

Le due sono organizzazioni separate e distinte. Diverse le premesse, diversa la filosofia che muove le due organizzazioni. Mentre il Comitato Paralimpico opera coerentemente con i criteri dei Giochi Olimpici con gare competitive riservate ai migliori, Special Olympics ovunque nel mondo e ad ogni livello (locale, nazionale ed internazionale), è un Programma educativo, che propone ed organizza allenamenti ed eventi solo per persone con disabilità intellettiva e per ogni livello di abilità. Le manifestazioni sportive sono aperte a tutti e premiano tutti, sulla base di regolamenti internazionali continuamente testati e aggiornati.