In arrivo il primo Memorial Mamadou Sy

boxe genericaBoxe, commozione e solidarietà in programma sabato sera sul ring allestito davanti alle tribune del Palasport ‘Atleti Azzurri d’Italia’. L’appuntamento è fissato per le ore 20 nella struttura di via Calvola n° 2 dove andrà in scena il ‘1° Memorial Mamadou Sy’, riservato alla categoria Dilettanti. Undici i match in programma che vedranno impegnati atleti triestini opposti a quotati avversari provenienti dall’intero Triveneto.

L’evento è stato organizzato dall’Asd Audace Trieste per ricordare, due giorni dopo il suo compleanno, la figura del suo indimenticato tesserato Mamadou Sy che un tragico incidente stradale ha strappato all’affetto dei suoi amici e compagni di scuderia.

Il giovane senegalese, eccellente combattente tanto nella boxe tradizionale quanto nel K-1, era giunto in Italia da poco più di un lustro e, dopo una difficile parentesi da immigrato irregolare, aveva saputo integrarsi a Trieste in maniera perfetta, trovando non solo soddisfazioni agonistiche, ma anche soddisfacenti spazi lavorativi e sincera applicazione persino nel mondo del volontariato. Il forte atleta di colore ha lasciato infatti tanti amici sinceri e profondi estimatori, conquistati non solo dalle sue capacità sul ring ma, anche e soprattutto, dal suo sorriso, dalla sua onestà, dal suo altruismo e dalla sua positività.

Ecco perché i pugili triestini hanno deciso di combattere rinunciando alle tradizionali borse che, pertanto, andranno ad aggiungersi all’incasso della serata e alle eventuali donazioni devolute sul posto dagli spettatori.
L’intera cifra raccolta sarà infatti destinata a fini benefici e una parte andrà direttamente alla famiglia di Mamadou con una consegna già organizzata in Senegal per il mese di gennaio 2015, quando partiranno i lavori edili per realizzare la casa che il ragazzo sognava di poter regalare ai suoi parenti, ai quali inviava regolarmente gran parte dei suoi guadagni.

Allo stesso fine sono stati anche destinati i fondi raccolti nel mese di luglio a Trieste e anche in altre località della regione, pochi giorni dopo la disgrazia, grazie a una commovente mobilitazione generale.

In tale occasione, sarà annunciata ufficialmente la costituzione della ‘Associazione Mamadou Sy’ (caratterizzata da uno staff dirigenziale tutto al femminile, presieduto da Federica Laboranti), nonché saranno comunicate anche interessanti anticipazioni in merito a un’iniziativa editoriale benefica realizzata dal giornalista Daniele Benvenuti (con l’Asd Audace in veste di editore) che ha visto il sincero e fattivo supporto di tutti coloro che hanno voluto bene a Mamadou, campioni del ring compresi.

Per quanto riguarda l’aspetto prettamente agonistico della riunione, infine, grande attesa viene rivolta agli esordi con lo stemma dell’Audace dell’esperto Bruno Maisto e del giovanissimo cinese Wu Xiao Jia (quest’ultimo al suo primo match in assoluto).