La Tergeste stende il Brebbia. Mattiussi: “Concentrati per i play-off”

L’inedita “trasferta casalinga” sulla pista “B. Metti” di Piacenza fa più male al Brebbia che alla Tergeste. Finisce 7-3 per i triestini, a coronamento di una partita giocata con attenzione e tanta voglia di chiudere in bellezza la stagione.

La squadra brebbiese prova a compiere l’impresa di annullare la sconfitta dell’andata, ma non è sufficientemente attrezzata per una simile impresa. Difatti, il gol iniziale dei lombardi, siglato da Boschetti dopo appena 20 secondi dal fischio d’inizio, non ha demoralizzato i triestini che pareggiano immediatamente con Grusovin per poi passare in vantaggio con Mariotto al 19’. Il parziale non cambia e si va al riposo sul 2-1 per la Tergeste.

Nella ripresa la Tergeste sale ancora di tono e liquida la pratica con una rete di Mariotto e due doppiette di Pittani e Fabietti. Le due reti del Brebbia sono state siglate da Caielli e Villanen. La squadra lombarda ha confermato una certa permeabilità difensiva, ma anche in avanti qualcosa evidentemente manca. “Lodevole”, invece, la capacità dei suoi giocatori di mettere a referto ben 36’ di penalità.

La regular season va dunque in archivio coronando vincitore l’Asiago Newts nonostante la sconfitta subita sabato scorso, in trasferta, contro il Torino. I piemontesi si aggiudicano la seconda piazza, ai danni della Tergeste, in virtù di una migliore differenza reti.

Salvo cambiamenti dell’ultima ora, sabato 29 aprile sarà già playoff con la Tergeste che se la vedrà, in trasferta, con il Real Torino. Domenica 7 maggio la partita di ritorno al Pala Foschiatti di Trieste ed eventuale spareggio il martedì successivo, ancora in Piemonte.

Ecco il commento di Michele Mattiussi, portiere della Tergeste: “Era l’ultima gara della regular season contro i Canguri Brebbia sul campo neutro del Piacenza dopo la sconfitta subita in casa dal Real Torino. La squadra aveva bisogno di uno stimolo per continuare l’avventura dei play-off. Una doccia fredda il gol subito ad una manciata di secondi dal fischio d’inizio, ma immediata è stata la reazione dei miei compagni, che in un crescendo ci ha permesso di chiudere il primo periodo in vantaggio. Nel secondo tempo, superato il timore degli avversari, la squadra ha innestato una marcia in più con quel gioco che ha sempre saputo fare, sfruttando al meglio anche le occasioni dei power play”.

A fronte di un gioco veloce, purtroppo è emersa anche una spigolosa animosità per alcuni contrasti di gioco su ambo i fronti – continua Mattiussi -. Bene hanno fatto i miei compagni ad orientare gli sforzi su un’azione corale di squadra verso la vittoria finale. Un 7 a 3 che ben ci dispone concentrati per le semifinali dei play-off contro il Real Torino, squadra già affrontata in un recente passato con risultati altalenanti, ma che sfideremo sportivamente alla pari senza alcun timore riverenziale”.