Marco Monte: “Gli amatori sono una grande realtà”

Marco Monte
Marco Monte, manager degli Hornets

Marco Monte, studioso di storia economica e sociale, apprezzato scrittore, si occupa di ricerche relative al prestito usuraio in ambito rurale in età moderna e di situazione igienico-sanitaria nelle campagne della Bassa Friulana. Ma Marco è anche il manager degli Hornets di Castions di Strada e lo abbiamo incontrato per parlare un po’ del mondo del softball amatoriale del Friuli Venezia Giulia.

– Marco, il tuo curriculum professionale è un po’ fuori dagli schemi per i frequentatori del mondo del baseball e del softball. Da dove nasce questa tua passione per il batti e corri?

“Nasce da lontano, dai primissimi anni ‘70 quando sono stato uno dei primi giocatori dell’allora neonata squadra sangiorgina dei Dragons. Ho giocato per i Dragons, togliendomi molte soddisfazioni, fino ai 21 anni. A 28 anni, dopo una pausa dovuta agli studi, ho ripreso a giocare nella Passoni Vini di Udine per poi andare a terminare la mia carriera a Staranzano”.

– Da qualche anno hai ripreso il guantone per dedicarti però al Softball..

“Si, questo è il terzo campionato che disputo e devo ringraziare la mia amica Jarka (Smetanova, ndr) per aver insistito affinchè entrassi a fare parte degli Hornets anche perché essere parte di questo mondo si è rivelata essere un’occasione unica”.

– Gli Hornets, al di là delle prestazioni sportive, sono conosciuti anche per l’impegno profuso all’interno della Castionese Softball. Quale è il tuo ruolo all’interno di tutta questa organizzazione?

“Il mio ruolo è quello di manager degli Hornets e mi occupo di portare in campo la squadra. Devo dire che la realtà amatoriale a Castions di Strada ha un’importanza fondamentale sia per l’attività sportiva sia sotto l’aspetto dell’aggregazione sociale e sono più che certo che ci siano ancora ulteriori margini di miglioramento”.

– Gli Hornets sono protagonisti assoluti di questo inizio di campionato. Sorpreso dalla partenza della tua squadra?

“No, non sono sorpreso anche perché abbiamo inserito, su un telaio già molto buono, degli ottimi elementi quali, ad esempio, Walter Dose senza dimenticare che possiamo contare su un vero fuoriclasse quale il nostro lanciatore cubanoLuis Armenteros”.

– Obiettivo per quest’anno?

“Inutile nascondersi, il mio obiettivo è fare un ottimo campionato e sottolineo OTTIMO campionato”.