Motori – I risultati del fine settimana del Moto Club Trieste

Sull’appennino parmense, sabato 10 e domenica 11 luglio, si è svolto il terzo round del Campionato Italiano Motorally in due giornate molto calde, cosa che non ha scoraggiato i 164 riders amanti della navigazione presentatisi sulla linea di partenza.Ad accoglierli il Moto Club Val Stirone con una gara su misura: 143 km da percorrere al sabato (17 e 23 km i tratti cronometrati) e 162 km la domenica (18 e 17 km. crono) su terreni di stampo enduristico da affrontare nei boschi attentamente, non ad andature molto veloci, e con la presenza di mulattiere alcune delle quali con insidiosi canali formati dallo scorrere dell’acqua durante le precipitazioni.Come nei due precedenti round, ammaliato da questa disciplina motociclistica, ha partecipato all’evento Andrea Clavarino (Beta 490 4T) in forza al Moto Club Trieste desideroso di continuare il suo apprendistato nei motorally.La guida attenta e la navigazione lo impegnano nella giornata di sabato così da concludere nel pomeriggio, stanco ma soddisfatto, pronto a ripartire l’indomani.La domenica, riunite le forze, non demorde e conclude 39°nell’affollata classe D-450 arricchendo il suo bagaglio di esperienza nel circuito nazionale.L’epilogo finale del tricolore Motorally è fissato nel week end del 18/19 settembre a Spoleto (PG) con la regia dell’omonimo moto club.

***

Ultimo atto, nel week end del 10/11 luglio, per il Campionato Italiano Minienduro “ventiventuno” che con la consueta numerosa partecipazione (169 i conduttori al via) di giovanissimi arrembanti, conferma l’ottimo stato di salute delle due ruote fuoristrada e, in prospettiva, un futuro roseo.Ottima l’organizzazione del Moto club savonese Fuoringiro, il quale, coadiuvato dal promoter nazionale Italiano Enduro, ha preparato a Sezzadio (AL) un evento con paddock, tracciato e prove cronometrate molto raccolte così da agevolare i genitori nel loro lavoro di manager, tifosi e assistenti: cinque i giri di 8 km. da compiere, sia il sabato che la domenica, e due le prove speciali da affrontare ad ogni tornata, una su prato con molte curve e movimentata da passaggi su tronchi e pietre e l’altra su terra risultata molto polverosa viste le giornate estive piuttosto infuocate.Il tutto è stato gradito dai “piccoli” rider, tra i quali era presente Robert Kovic (Yamaha) portacolori del Moto Club Trieste al suo esordio in un campionato tricolore.Impegnato nella folta classe dei più “grandi”, la 125 cc., il rappresentante del sodalizio alabardato al sabato, con una prestazione regolare ed attenta, ha colto un buon 33°posto recependo la forza degli avversari ma senza demordere.La domenica lo vede in miglioramento, specialmente da metà gara in poi, e la convinzione lo porta ad una 28^posizione finale di tutto rispetto vista la caratura dell’evento e lo status di prima esperienza nazionale.Chiuso il capitolo tricolore del minienduro l’attenzione per il pilota giuliano si sposta al Campionato Triveneto con la gara in programma domenica 19 settembre a Sacile (PN) diretta dal Moto Club San Giovanni di Livenza.