Nuoto – I big del nuoto acque libere con i paralimpici in Sardegna

A seguito dei precedenti successi, il Comitato Sardo della Federnuoto ha proposto un evento di alto livello e di forte richiamo agonistico in un contesto ambientale d’incanto. La positiva e crescente sinergia (nazionale e regionale) tra la Federazione Italiana Nuoto, la Federazione Italiana Nuoto Paralimpico, Freedom in Water e Progetto Albatross ha dato vita alla doppia sfida acquatica tra persone con disabilità e non. L’ottava edizione del Meeting Freedom in Water e del Campionato Italiano Paralimpico in Acque Libere si è  ripetuta il 18 settembre nell’incantevole Riviera del Corallo e più  precisamente nella Baia di Porto Conte (Alghero). L’aspetto più interessante di questa manifestazione sono state le adesioni agonistiche: 33 atleti F.I.N.P. , 49 atleti F.I.N. e 97 atleti Master F.I.N. Gli iscritti con disabilità, a seconda della classe di appartenenza, si sono impegnati a coprire la distanza di mt. 1500 oppure di mt. 3000. Mentre le categorie di atleti normodotati gareggiavano solo sui mt. 3000.Nell’ambito paralimpico, il Friuli Venezia Giulia è  stato molto bene rappresentato da A.S.D. Acquamarina Team Trieste Onlus con Rosanna Brunetti, la prima in Regione ad essersi impegnata in questa specialità del nuoto riscuotendo da sempre ottimi risultati.L’evento sportivo è stato impreziosito dalla partecipazione di tre eccellenze: Gregorio Paltrinieri, Dario Verani e Alisia Tettamanzi (Nazionale Italiana Nuoto di Fondo). Sono stati accolti con elevato entusiasmo sia dagli organizzatori e sia da tutti i presenti. Per gli atleti paralimpici l’opportunità di condividere la nuotata con questi campionissimi internazionali è stata una inaspettata sorpresa ricca di soddisfazioni già nella partecipazione.Sentimento espresso anche da Gregorio Paltrinieri : “Sono contento di esssere qua e di gareggiare tutti assieme e direi che questo è l’aspetto più bello della manifestazione”. Tutti gli iscritti hanno potuto esprimersi al meglio delle loro potenzialità favoriti dalle condizioni  meteo ottimali e dallo scenario paesaggistico di notevole bellezza, nonché di forte richiamo turistico. Per il Campionato Italiano F.I.N.P.  sono stati assegnati i Titoli di Campione/ssa Italiano/a accorpando le categorie. – Cat. S3-S6 mt. 1500  Sciaccaluga Giovanni (SSD Nuotatori Genovesi) 28’42″6 e Meschini Caterina (SSD Lazio Nuoto) 35’39” – Cat. S7-S10 mt. 3000 Pasquini Roberto (Eschilo Sporting Village) 46’39″4 e Sorini Margherita (ASD Verona Swimming Team) 49’15″7. Inserita in questa categoria anche Rosanna Brunetti che, nonostante la buonissima prestazione con miglioramento cronometrico personale sulla distanza (1h03’53”), non è riuscita a salire sul podio, fermandosi alla base con un onorevole quarto posto, alle spalle di atlete molto giovani.- Cat. S11-S13 Menella Alessandro (Crociera Stadium) 1h04’05” e Albicini Cristina (ASD Verana Swimming Team) 1h10″42.La classifica Freedom in Water (F.I.N.) mt. 3000 è stata vinta da: – oro Paltrinieri Gregorio (GS Fiamme Oro) 36’41″4 , – argento per Verani Dario (Gruppo Sportivo Esercito) 36’59″6 ,- bronzo Titta Pierandrea (Nuotatori Milanesi) 37’22″8. – quarta posizione assoluta, nonché prima femmine, Tettamanzi Alisia (Nuotatori Milanesi) 39’07″4. Per questi campioni internazionali, il prossimo appuntamento della specialità sarà in ottobre (Coppa LEN) mentre gli atleti paralimpici saranno già nuovamente impegnati il 25-26 settembre p.v. nel mare di Cattolica (OceanMan).