Baldan trascina l’Atomat al successo sull’Euganeo

Jessica Franzil, capitano dell'Atomat
Jessica Franzil, capitano dell’Atomat, in azione

Gran difesa abbinata ad un portiere in grande condizione e a terzini ispirati. Ecco le chiavi del successo dell’Atomat sull’Euganeo nella quindicesima giornata di campionato. Tre punti davvero pesanti per le udinesi che hanno regalato la prima delusione stagionale alle venete.

Era necessaria una grande prestazione per uscire col bottino pieno dopo la sconfitta con il Vigasio. Le ragazze di Laurini ci sono riuscite entrando in campo con la grinta giusta e puntando tutto sulla difesa: il risultato di fine primo tempo, 10-5, quasi da match giovanile, racconta molto di quanto le due squadre siano state sportivamente cattive.

Grande protagonista l’indiavolata Baldan, motore perpetuo sia in difesa che come centrale in attacco. A chiudere definitivamente la saracinesca ci ha pensato la giovane Under 16 Bergamasco, titolare tutta la partita, vero incubo avversario. Para tre rigori e chiude tutti gli spiragli, dimostrando di meritare la recente convocazione nella Nazionale Under 17.

Buona la prova anche dei due terzini: il capitano Franzil, top scorer con 6 gol, ha suonato la carica, e turbo-Sajina ha fatto venire più di qualche mal di testa ai difensori veneti.