La Pallamano Opicina conquista l’Adriatic Handball Cup

Una fase di Pallamano Trieste - Pallamano Opicina
Una fase di Pallamano Trieste - Pallamano Opicina
Una fase di Pallamano Trieste – Pallamano Opicina

La Pallamano Opicina ha vinto l’Adriatic Handball Cup. Decisivo si è rivelato il derby di ritorno contro la Pallamano Trieste. Nonostante l’emergenza numerica, i carsolini sono riusciti a prevalere grazie ad una gara giocata con gran cuore.

Trieste priva di capitan Baldissera, schiera a sorpresa Giacomo Campagnolo comprimario della prima squadra di coach Oveglia. La mossa paga, nel primo tempo Campagnolo va a segno ben quattro volte. L’Opicina, dopo un inizio contratto, si sblocca. L’attacco diventa più fluido e, anche se Varesano per una volta non la butta dentro, ci pensano Muran e Sedmach a farlo (entrambi top scorer dei carsolini a quota 6). In più, il punto forte della squadra di Nait è la difesa, capace di concedere una sola ripartenza in tutta la prima frazione,  conclusasi sul risultato, molto basso rispetto agli standard, di 8-9 per l’Opicina.

Nella ripresa si fa rotazione tra i carsolini, mentre i giuliani entrano in campo con maggiore determinazione. Vazzoler e Dovgan trovano con facilità la via della rete con tiri dalla media. E Trieste rimette il naso in avanti. Toccando al 41’ il +3 (14-11 il parziale). Coach Nait decide di rimescolare le carte e, complice una superiorità numerica si riporta in vantaggio sul 14-15 (rigore di Muran).

La gara subisce la svolta decisiva tra il 49’ e il 53’ quando la Pallamano Opicina confeziona un break di 4 reti, con le firme di Sedmach, Muran, Rongione. I biancorossi provano a rifarsi sotto con le staffilate di Campagnolo, ma Camarda tira giù la saracinesca. Il finale è di 17-22 per la Pallamano Opicina, che vincendo la sua quarta gara si aggiudica la prima edizione della “Adriatic Handball Cup” a punteggio pieno.