Nulla da fare per Opicina contro uno scatenato Musile

Una formazione dell'Alabarda Opicina
Una formazione dell’Alabarda Opicina

La Pallamano Musile 2006 stoppa l’Alabarda Opicina e con essa anche la felice striscia di tre vittorie consecutive del team opicinese. I padroni di casa fanno valere una maggiore imprevedibilità in zona rete, oltreché una freschezza atletica migliore (l’Alabarda era reduce dal recupero vittorioso con il Riviera ’98 disputato 48 ore prima) e una maggior profondità di roster (solamente tre i cambi disponibili per i giuliani).

A scattar per prima dai blocchi è però la Pallamano Opicina. Varesano e Dandri regalano subito un doppio vantaggio. I locali (impreziositi dal recupero del portiere triestino Benvenuti) impattano a quota 2, ma Varesano al minuto 8 riporta ancora una volta avanti l’Alabarda. Al 12′ il Musile firma il controsorpasso (4-3). I veneziani prendono così le redini dell’incontro in mano, ma l’Opicina tiene botta. Al 20′, grazie ai gol di Zimbardi, l’Opicina insegue solamente per 6-5. In chiusura di prima frazione, però, la compagine padrona di casa piazza un break di 4 reti a 0. 10-5 il parziale di metà gara.

Il -5 taglia le gambe all’Opicina, che in apertura di ripresa scivola addirittura a -7 (13-6). Varesano, Zimbardi e Dandri provano a imbastire la rimonta, ma una doppia esclusione a Querin e Zimbardi tarpa subito le ali all’Opicina. Altro parziale di 4-0 e la gara è praticamente in ghiaccio per il Musile (17-9 al 42′). Nei restanti 18′ i padroni di casa amministrano il vantaggio. Il finale è di 24-16 in favore della Pallamano Musile 2006.

Martedì recupero della 16esima giornata contro i vicentini dell’H.C. Barracuda, sabato chiusura di torneo con il derby regionale con l’Handball Team San Vito, gara che metterà in palio la sesta piazza in graduatoria.