Pallamano – Trieste sconfitta sul campo di Merano

Alperia Merano – Pallamano Trieste 27-25 (14-10)
Alperia Merano: Meletti, Cascone, Freund A. 1, Prantner M. 9, Visentin 3, Stricker A. 1, Coppola, Bergklint 1, Martelli, Freund F., Petricevic 1, Durnwalder, Stricker L., Cuello 10, Martini 1, Gergstrasser. All.: Prantner J.
Pallamano Trieste: Zoppetti, Milovanovic, Radojkovic J., Dapiran 10, Aldini 2, Hrovatin, Mazzarol, Pernic, Di Nardo 2, Parisato, Visintin 3, Sandrin 1, Pagano 4, Bratkovic 3. All.: Radojkovic F.

Non arriva un risultato utile da Merano ma sicuramente va segnalato il fatto di aver visto una Pallamano Trieste che, minata dalle tante assenze causa infortuni (Nocelli e Stojanovic out con Hrovatin in panchina per onor di firma), ha saputo tenere botta all’avversario riaprendo nel finale una sfida che pareva già segnata da un avvio di ripresa tutto da dimenticare.

La cronaca. Apre le marcature Max Prantner (1-0 al 2′), gli alabardati si fanno subito sentire: Dapiran, capitan Visintin e Bratkovic piazzano il break del sorpasso (1-3 al 5′). Il pari non tarda ad arrivare ed è siglato da Petricevic (3-3 al 7′), Di Nardo porta nuovamente avanti i suoi (3-4 all’11’), l’equilibrio si protrae per una decina di minuti sino alla rete di Dapiran (10-9 al 21′), Merano risponde aumentando il ritmo che le consente di mettere un parziale (5-1) utile a chiudere la prima frazione avanti di 4 lunghezze (14-10).

Al rientro dagli spogliatoi Pagano, ex di turno come pure Jan Radojkovic, accorcia le distanze (14-11 al 31′). Trieste fatica, non poco, a trovare la via del gol, dalla parte opposta l’Alperia preme sull’acceleratore con il duo Max Prantner-Cuello a salire in cattedra per il +9 (22-13 al 40′). Partita chiusa? Tutt’altro, i giuliani ricuciono quasi totalmente lo strappo riaprendo i giochi a 5′ dal termine grazie al tiro di rigore messo a bersaglio da Dapiran (26-23 al 55′). Le parate dell’estremo difensore Martelli e il gol di Martini (27-23 al 56′) danno la sicurezza definitiva dei due punti ai Black Devils, dall’altro versante le reti di Pagano e Aldini rendono meno pesante il passivo in casa biancorossa (27-25).

Questo il commento del ds Oveglia: “La squadra ha giocato con il cuore ma devo dire che le assenze di Nocelli, Hrovatin e Stojanovic si sono fatte decisamente sentire in quanto hanno ridotto al minimo la possibilità di ruotare i terzini. Attualmente facciamo fatica a trovare la via del gol pur con una difesa che oggi si è dimostrata essere di buon livello. Un plauso voglio comunque rivolgerlo a tutti i ragazzi che, nonostante le difficoltà, hanno lottato, senza mollare, sino alla fine”.