Pallanuoto – Trieste, contro la Sport Management rientra Petronio

Ray Petronio

Altro impegno durissimo per la Pallanuoto Trieste. Sabato 2 marzo, nella settima giornata di ritorno del campionato di serie A1 maschile, la squadra alabardata sarà impegnata nella piscina di Busto Arsizio contro lo Sport Management terzo in classifica. Si gioca alle ore 18.00.

Qui Pallanuoto Trieste – Il gruppo del main-sponsor Samer & Co. Shipping continua a lavorare forte in allenamento, come fatto nei giorni precedenti il confronto con la Pro Recco. “Dove abbiamo giocato piuttosto bene, al di là di quello che potrebbe far pensare il risultato – spiega l’allenatore della Pallanuoto Trieste Daniele Bettiniper metà gara lì abbiamo messi in difficoltà. Poi ovviamente è emersa tutta la loro forza. E adesso siamo pronti per affrontare un altro avversario di alto livello”. Nonostante un po’ di stanchezza, gli alabardati appaiono nel complesso in buone condizioni di forma e nella trasferta in Lombardia Bettini potrà contare sul rientrante Ray Petronio, che ha scontato il turno di squalifica. Ancora il tecnico ligure: “Con lo Sport Management dovremo giocare in modo un po’ diverso rispetto alla gara col Recco. Quindi ritmi bassi, massimo controllo del pallone in fase offensiva, evitare forzature al tiro per non esporsi alle loro micidiali controfughe. E’ una squadra composta da tanti attaccanti, che vivono per il gol, quindi affrontarli a viso aperto potrebbe diventare pericolosissimo. Sappiamo che il pronostico è praticamente chiuso, ciò non toglie che proveremo comunque a fare la nostra partita”. Per quanto riguarda la formazione, Bettini porterà a Busto Arisizio 14 giocatori e deciderà chi mandare in vasca sabato soltanto dopo l’allenamento di rifinitura.

Gli avversari: Sport Management – Terzo posto in classifica, terzo attacco del campionato (222 gol fatti) e terza miglior difesa (137 gol incassati), dietro alle altre due “big” Pro Recco e An Brescia. Ma in questa stagione lo Sport Management si sta rendendo protagonista di uno straordinario cammino in Champions League, iniziato in settembre con i turni di qualificazione e che dopo la vittoria di mercoledì sul campo dello Spandau Berlino (8-13 per i “mastini”) ha proiettato la squadra di Gu Baldineti al secondo posto del gruppo B dietro allo Jug Dubrovnik ma davanti a Olympiacos e Szolnok (ovvero le ultime due squadre che hanno vinto il massimo trofeo continentale per club). Il sogno qualificazione alla final-eight è ancora possibile.

In fase difensiva la corazzata lombarda si affida alle parate dell’estremo difensore montenegrino Dejan Lazovic, alternato a volte all’ex Roma Vis Nova Gianmarco Nicosia. In marcatura i vari Giuseppe Valentino, Andrea Fondelli e Vincenzo Dolce sono sempre molto difficili da superare. Gli esterni garantiscono pericolosità al tiro e tantissima velocità: attenzione in particolare a Stefano Luongo, con 53 gol capocannoniere della A1 maschile, al mancino Luca Damonte e alla fantasia di Edoardo Di Somma, Cristiano Mirarchi e Jacopo Alesiani.