Parapendio: la gara di Gemona incorona Malecki

volo libero 2E’ il pilota tedesco Andreas Malecki ad essersi aggiudicato il primo posto nella gara di Coppa del mondo di parapendio svoltosi nel corso di questa settimana a Gemona del Friuli. Assieme a lui, per la categoria femminile, il primo posto è andato all’italiana Silvia Buzzi Ferraris.

I due vincitori sono seguiti al secondo posto dallo sloveno Juri Vidic e l’argentino Hernan Pitocco per quanto riguarda la categoria maschile, mentre in quella femminile il secondo posto è andato alla francese Seiko Fukuoka Naville e il terzo alla tedesca Jvonne Dathe. Le classfiche che riguardano invece le squadre vedono aggiudicarsi il primo premio la francese Ozone, al secondo la spagnola Parapente Mag, al terzo i Gin gliders (squadra composta da un italiano, uno svizzero e un tedesco), e infine al quarto posto la squadra italiana Woody Valley.

Quella svoltasi a Gemona, organizzata dall’Aeroclub d’Italia, è stato una competizione che ha purtroppo risentito del cattivo tempo che ha caratterizzato le ultime due settimane. Nonostante questo, l’organizzazione è stata in grado di realizzare quelle due task necessarie per convalidare la gara anche come evento riconosciuto dalla Federazione Aeronautica Internazionale.

La prima task è stata realizzata mercoledì 8 giugno: si è trattato di un lungo percorso da 88 chilometri, nel quale oltre il 50% dei piloti partecipanti sono riusciti ad atterrare. Dopo una seconda task svoltasi giovedì ma anche interrotta a causa ancora delle difficili condizioni climatiche, venerdì 10 è stato possibile svolgere la task decisiva che ha permesso di proclamare in seguito i vincitori.

In quel caso, sono stati percorsi 68 chilometri in cielo su un percorso di una determinata difficoltà che ha costretto i piloti a volare controvento verso la prima boa prevista a Canebola sopra Faedis, per tornare in seguito sul Cuarnan sopra Gemona e infine a Cornino per tornare verso il capoluogo pedemontano. In quel caso solo il 30% dei partecipanti è riuscito ad atterrare.

Nelle ultime due settimane, in cui la Coppa del Mondo è stata anticipata dai campionati inglesi di volo libero denominati British Open, circa 300 piloti hanno volato sul cielo friulano ma hanno anche potuto visitare il territorio grazie all’organizzazione che ha visto impegnati gli operatori di Volo Libero Friuli e l’Ufficio Iat di Gemona.