Petronio trascina la Pallanuoto Trieste nel derby contro il Plebiscito Padova

Ray Petronio, grande protagonista da ex contro il Plebiscito
Ray Petronio, grande protagonista da ex contro il Plebiscito
Ray Petronio, grande protagonista da ex contro il Plebiscito

Turno infrasettimanale decisamente positivo per la Pallanuoto Trieste che, nella decima giornata di Serie A2 ha sconfitto per 11-9 il Plebiscito Padova tra le mura amiche.

Successo meritato per gli alabardati, capaci di rimontare da una situazione piuttosto complicata e freddi nel finale, quando ci si è messo anche il tavolo della giuria a complicare le cose. Padova recupera il capitano Filippetto e si presenta alla Bruno Bianchi con la solita baldanza. In avvio di gara riesce tutto alla squadra allenata dal triestino Fabrizio Cattaruzzi, con l’attaccante croato Vuleta in grande spolvero. Il Plebiscito vola sull’1-4 e poi sul 2-5 proprio a 1” dalla fine del 1° periodo grazie ad un gol di Segala sul primo palo.

Trieste fatica in attacco e subisce tantissimo in fase difensiva, passano 30” dall’inizio del 2° periodo e il solito Vuleta firma il gol del 2-6. Ma la reazione della squadra di Marinelli non si fa attendere. Nel momento più difficile del match Petronio trascina la Pallanuoto Trieste alla rimonta fino al 6-7 di metà gara.

Nel terzo periodo l’intensità si lotta su ogni pallone con grande foga, ed è ancora Petronio il grande protagonista: sulla sirena è 9-8 per gli alabardati. Tensione alle stelle nell’ultimo periodo: sul 10-9 a 34” dalla sirena gli alabardati gestiscono l’ultima azione per tutti i 30”, lasciano il pallone ma il tavolo della giuria non ferma il tempo per concedere gli ultimi 4” di possesso al Plebiscito.

La sirena sancisce il successo della Pallanuoto Trieste, tra le proteste giustificate dei padovani. Mentre i padroni di casa festeggiano la vittoria, gli arbitri dopo aver consultato i cronometristi decidono di far giocare i rimanenti 4”. Scelta giusta, anche se arrivata a partita già conclusa. Gestione comunque saggia quella dei due fischietti napoletani, ad onor del vero poco aiutati da un tavolo della giuria apparso quantomeno distratto.

Gli altri risultati: Sc Quinto – Chiavari 8-8, Como – Pallanuoto Brescia 12-7, Rn Sori – Andrea Doria 8-8, Rn Imperia – Torino 81 10-9, Lavagna 90 – President Bologna 9-6

La classifica: Como 25, Pallanuoto Trieste 21, Rn Imperia 21, Sc Quinto 20, Chiavari 18, Pallanuoto Brescia 15, President Bologna 11, Lavagna 90 11, Plebiscito Padova 10, Rn Sori 9, Torino 81 7, Andrea Doria 2