Pioggia di medaglie per il Grappling San Vito a Firenze

Sei medaglie con 3 atleti: questo è il prezioso bottino che si è aggiudicato il Grappling San Vito!

Lo scorso weekend si è infatti svolto nella splendida cornice del Mandela Forum di Firenze l’Italian BJJ Open/Campionato Italiano di Jiu Jitsu Brasiliano organizzato dall’Unione Italiana Jiu Jitsu. Questa competizione con i suoi 1.700 iscritti, divisi nelle varie categorie di età e peso, è uno degli eventi più partecipati d’Europa in questo sport.

Il sabato è stato dedicato alla competizione NO GI (senza kimono) dove Marco Ferretti nella categoria ultra heavy M3 marrone si riconferma per la 5^ volta consecutiva campione italiano. Nel torneo Open, dove possono partecipare solo i medagliati delle varie categorie di peso, il lottatore pordenonese ha vinto la semifinale ai punti contro un siciliano; in finale invece, sul pari merito di 2 a 2, ha perso per un solo vantaggio, conquistando così la medaglia d’argento.

Il sanvitese Carlo De Piccoli, già campione italiano giovanile 2019, è salito sul 2° gradino del podio nei -76 kg bianca juvenile (16-17 anni).

Nei pesi medi M1 bianca Francesco Castellan viene bloccato agli ottavi con una tecnica di ghigliottina da un forte lottatore veneto a pochi secondi dalla fine.

La domenica invece si tenuto il campionato GI: Ferretti si è aggiudicato la medaglia d’oro nei +100 su decisione arbitrale in un’equilibrata finale contro un jiujitero veneziano; nella categoria Open, dopo 3 agguerriti incontri, ha conquistato il titolo di vicecampione M3 marrone.

Il giovane De Piccoli ha combattuto anche nella gara con gi e ha conquistato la medaglia di bronzo nei pesi mediomassimi.

Nella categoria -82 kg bianca M1 il valvasonese Castellan ha dimostrato una continua crescita tecnica, ma purtroppo non è riuscito ad avvicinarsi alla zona podio.

Gli allenamenti di brazilian jiu jitsu continueranno per tutto il mese di giugno, sotto la guida tecnica di Marco Ferretti, presso la sede del Judo Club San Vito, presieduto da Giancarlo Genova.