Prestazione maiuscola della Rugby Udine

Campionato Nazionale serie A RUGBY
Pool Promozione 2- 9^GIORNATA

ASD RUGBY UDINE 1928 vs CUS VERONA
risultato finale 33-22 (mete 4-3) 5-0 punti; primo tempo: 21-14 (mete:2-1)

RUGBY UDINE 1928: Robuschi, Lo Schiavo(19^ st D’Anna), Flynn(38^st Groza), Properzi, Marconato, Zorzi(15^st Lentini), Giallongo, Signore, Di Pietro, Conti(11^st Bagolin), Giannangeli(10^st Macor), Sironi(29^st Amura), Balistreri(25^ st Monterisi), Corbanese Wachsmann (1^st Copetti) Allenatore: Maurizio Teghini.

CUS VERONA: Michelini E., Combre, Corso, Neethling M, Del Bubba( 39^st Signora), Mariani, Leso, Mazzi(9^st Bergamin), Badocchi, Paghera(1^st Pauletti), Braghi(19^st Olivieri), Liboni, Michelini A., Neethling Ryan, D’Agostino A disposizione: Girelli, Pasinato, Munteanu, Bellini,. Allenatore: AntonioZanichelli.

Marcatori:5^CP Robuschi (3-0), 12^MT Properzi (8-0), 16^ CO Robuschi (11-0), 30^ MT Robuschi TR Robuschi (21-0) 40^ Meta Tecnica VR TR Michelini (21-7)
Secondo Tempo: 3^ MT Badocchi TR Michelini (21-14), 10^CP Michelini (21-17), 25^ MT D’Anna TR Robuschi (28-17), 38^MT Di Pietro (33-17), 40^ Meta Mischia VR (33-22).

Altri risultati:
RUGGERS TARVISIUM vs HSB COLORNO : 18-31 punti 0-5
JUNIOR RUGBY BRESCIA vs VALSUGANA R. PADOVA ASD : 30-21 punti 5-0
Classifica:
HSB COLORNO punti 37
CUS VERONA punti 24
VALSUGANA R. PADOVA ASD punti 22
RUGGERS TARVISIUM ASD punti 21
ASD RUGBY UDINE 1928 punti 15
JUNIOR RUGBY BRESCIA punti 11

rugby udine
Foto ML.Riva Photographer

Per la penultima di campionato Teghini recupera Flynn ed è costretto a schierare Conti terza linea a seguito dell’indisponibilità di Montorfano, inoltre porta in panchina Dan Groza classe 1996, frutto del vivaio, che si è particolarmente distinto in Under 18.
Udine deve affrontare l’assalto dei veronesi in un feroce attacco; i padroni di casa reggono e respingono gli avversari nella loro metà campo: prima il Verona sbaglia, Robuschi invece segna i primi 3 punti della partita. Dopo i primi 10 minuti Udine, con una veloce serie di passaggi, segna la prima meta con Properzi portando il punteggio 8-0. I tutto neri restano in attacco e la pressione esercitata permette a Robuschi di segnare nuovamente un ottimo calcio di punizione.
Il primo tempo vede i padroni di casa dominare il campo e al trentesimo Robuschi segna al largo portando a conclusione un eccellente giocata dei tre quarti. L’estremo dei friulani non delude trasformando la meta segnata.
Siamo sul 21-0 ma, nel finale del primo tempo, i Veronesi, partendo da una Touch formano un potente carettino che mette in seria difficoltà la linea di difesa dei tutto neri che fanno crollare volontariamente la maul. L’arbitro Boaretto assegna quindi la meta tecnica per gli ospiti che segnano i loro primi punti: 21-7.
Il secondo tempo vede da subito un Verona protagonista e con una forte voglia di riscatto. Infatti, con un’azione-copia del primo tempo da touch ripartono e spingono i friulani oltre la linea di meta. Michelini trasforma e porta il tabellino 21-14.
Robuschi è protagonista di un fallo al limite del regolamento che l’arbitro è costretto a punire con un giallo. I Veneti ne approfittano subito portando il punteggio 21-17. Poco dopo è il veronese Pauletti ad uscire per un pericoloso placcaggio alto ma Zorzi sbaglia l’angolata punizione.
I tutto neri vogliono riprendere in mano la partita e da una touch formano una moul spingendo prepotentemente i veneti all’interno dei loro 22, da li allargano il gioco permettendo a D’Anna di segnare una splendida meta che Robuschi prontamente trasforma.
Ma 28 a 17 non è un punteggio sufficiente per i padroni di casa che spingono nuovamente ed in odor di meta vengono fermati dai veneti che liberano velocemente al piede. Su un fuori gioco veneto a centro campo, Robuschi decide di calciare ai pali ma è sfortunato colpendo la traversa, il calcio piazzato rimbalza in campo e permette al Verona di provare un veloce contrattacco ma i friulani non si fanno sorprendere bloccando gli avversari nella linea dei 22.
Con una serie di passaggi veloci i tutto neri allungano al largo e Di Pietro segna la quarta meta subito sotto la bandierina. La trasformazione è molto angolata e un altro palo ferma il punteggio sul 33-17.
La partita si conclude con un ultimo colpo di coda dei veneti che partendo dalla solita touch spingono la difesa friulana all’interno dell’area di meta fissando definitivamente il tabellino sul 33-22.

Dan Groza: “E’ stato emozionante esordire in serie A. I pochi minuti giocati mi hanno dato la possibilità di iniziare a capire come “funziona” in prima squadra. Spero però di poter continuare a dare il mio apporto alla U18 che dopo aver vinto il girone territoriale sarà impegnata nel girone interregionale.”

A margine segnaliamo la vittoria della formazione cadetta che a Silea ha battuto i padroni di casa per 45 a 17 conquistando anche il punto di bonus.