Rfc a muso duro, Cus ok

 

 

Rcf Rugby Udine
Venerdì alle 17,30 Rugby Udine al cinema, chiamata al Città Fiera ad assistere alla proiezione di "Invictus"

Venerdì alle 17,30 Rugby Udine al cinema, chiamata al Città Fiera ad assistere alla proiezione di “Invictus”, il film – simbolo del trionfo mondiale della pallaovale sudafricana al servizio dell’abbattimento dell’apartheid, realizzato da Clint Eastwood.

Potrà servire da stimolo ad un gruppo di giocatori che la sconfitta di Brescia, contro una delle dirette concorrenti nella lotta per la salvezza, ha catapultato nell’occhio del ciclone societario? Il presidente Diana e il gm Ballico sono inferociti, hanno annullato l’imminente ritiro di Tarvisio programmato a suo tempo con la funzione di collante del gruppo, invitando chi non ci crede a fare le valigie. Un momento che fa il paio con quello del calcio, quello del maggior rugby regionale, con la squadra in preda ad un imperscrutabile male oscuro di difficile individuazione. E anche l’affratellata Leonorso ha di che lamentarsi, con entrambe le squadre impegnate lo scorso week end, l’Under 16 e l’Under 14, sconfitte dalle avversarie di turno. Ma la linea verde produce comunque minore esasperazione e le battute d’arresto, seppure indigeste, non fanno pensare a capitali investiti vanamente in giocatori che non rispondono alle attese. La parola “deconcentrazione” riferita alla formazione Under 16, tornata da Bassano con un pesante 31 a 0 e 5 mete sulle spalle, viene comunque proferita a denti stretti dal presidente Rizzi, amareggiato anche dall’altrettanto gravoso 36 a 5 (6 a 1 le mete) rimediato dagli Under 14 contro il comunque forte San Donà in una giornata di tempo atmosferico da tregenda. Ma qui, perlomeno, l’impegno degli udinesi non è mancato. Discreta soddisfazione invece in casa Cus Udine, sponsorizzata Ingegneri Pascolo e condotta dal duo Vigna-Zoratti, che con 4 vittorie, altrettante sconfitte e 1 pari viaggia in serie C a metà graduatoria con 18 punti alla fine del girone d’andata e con un incontro da recuperare, il derby con la VenJulia Trieste, il 14 marzo. Con una squadra dalla media età piuttosto giovane e rimpolpata di recente da alcuni arrivi dall’Rfc, la Pascolo è preceduta in classifica dalle big Silea (32 punti), Valsugana e Mirano (29) e Pordenone (28), con il Venjulia a quota 20. Alle spalle degli udinesi seguono a distanza Montereale (12), S.Domenico (9), Valchiampo (6) e Spilimbergo, ancora fermo a quota zero. Unico handicap, more solito, il campo, con il Cus ospite per gli allenamenti a Cussignacco, ma senza le strutture idonee al rugby.