Running – Corsa dei Castelli: vincono Kipngetich e Mattagliano

Sole, tanta allegria e solidarietà hanno caratterizzato la 3ª edizione della Corsa dei Castelli, la manifestazione podistica di autunno organizzata dalla PromoRun in collaborazione con il Comune di Trieste.

Un’edizione che ha visto al via più di mille partecipanti, fra la gara competitiva di 10 km e la Run Family di 8 km. Molto combattuta la sfida maschile, che ha visto fin da subito staccarsi dal gruppo il duo formato da Sammy Kipngetich e Kubet, mentre El Maozury, il vincitore della passata edizione, si è staccato dopo il quarto chilometro. I due hanno percorso gomito a gomito quasi tutto il percorso, poi nel corso della salita finale di via del Monte Kipngetich è riuscito a staccare di qualche metro Kubet. Il corridore in forza all’Atletica Saluzzo è riuscito così a tagliare il traguardo con il tempo di 29’59”, abbassando così di 14 secondi il tempo dello scorso anno. Al secondo posto James Kubet con il tempo di 30’09”, mentre sul gradino più basso del podio si è classificato El Maozury a 30’49”. Quarto, infine, Paolo Zanata con una performance di 31′ 44”.

Prima fra le donne l’atleta di casa Joyce Mattagliano (37’36”) seguita da Erica Franzolini (39’06”) e da Glenda Basei 40’27”).

Una gara che ha premiato i valori dello sport, con una partecipazione di pubblico quasi equamente suddivisa fra competitiva (di 10 km) e Run Family di 8 km, quest’ultima collegata a Telethon. Ogni partecipante ha così potuto aiutare, con un contributo, la ricerca e la solidarietà della nota organizzazione benefica che da anni finanzia e promuove la ricerca scientifica sulle malattie genetiche.

Queste le parole dell’organizzatore dell’evento, Michele Gamba, al termine della manifestazione: «Il messaggio che volevamo lanciare oggi era quello di correre tutti assieme per chiudere alla grande la stagione delle corse. Il numero di partecipanti è quasi raddoppiato rispetto alla scorsa edizione, pertanto possiamo essere più che soddisfatti dell’obiettivo raggiunto. Un’edizione dalla quale partire per migliorarci ancora di più in futuro».