Scherma – Giulia Rizzi è campionessa italiana di spada

Foto Bizzi

A Cassino Giulia Rizzi si è laureata campionessa italiana di spada. Dopo le cinque medaglie di bronzo in carriera, l’ultima nell’edizione 2018 disputata a Gorizia, la trentaduenne spadista udinese ha finalmente conquistato il Tricolore al termine di una finale molto combattuta che l’ha vista contrapposta alla due volte campionessa del Mondo e argento olimpico a Rio, Rossella Fiamingo del Centro Sportivo Carabinieri. Nel match conclusivo, l’atleta friulana delle Fiamme Oro è partita in vantaggio, ha subito la rimonta della rivale siciliana che è giunta a contatto sul 9-9 ed ha poi messo a segno l’allungo decisivo nell’ultima frazione chiudendo il match sul 15-10.

La gara di Giulia Rizzi era iniziata con cinque vittorie nei sei match del girone eliminatorio che le erano valse il 40° posto nel seeding dell’eliminazione diretta. L’ex-allieva del Maestro Roberto Piraino all’ASU di Udine – ora vive e si allena in Francia, a Saint Gratien, poco fuori Parigi – ha gradualmente preso fiducia e ha superato negli ottavi la neo campionessa under 20 Sara Maria Kowalczyk per 15-11, nei quarti Brenda Briasco della Cesare Pompilio Genova 15-7 e in semifinale, con lo stesso punteggio, Alberta Santuccio delle Fiamme Oro.

Ho tirato libera, mi sono divertita e sono stata davvero felice per il risultato finale. Mi ero fissata l’obiettivo di entrare tra le prime otto e poi divertirmi. È andata benissimo a partire dal girone, quando ho cominciato a ingranare, a provare delle ottime sensazioni fisiche e mentali che mi hanno condotto sino in fondo” ha raccontato Giulia Rizzi.
La neo campionessa italiana ha commentato così la finale contro Fiamingo: “Con Rossella soffro spesso quando sono in vantaggio, lei è bravissima a recuperare. Quando ha portato il match in parità è scattato qualcosa e mi sono detta che dovevo reagire e vincere io. Questo titolo italiano dà sicuramente nuove consapevolezze. Mi sento in ottima forma fisica e credo di essere ancora competitiva. Nella spada si matura un po’ più tardi e ora mi sento davvero pronta per tirare ancora a ottimi livelli”.

In gara oggi c’era anche Mara Navarria. La Campionessa del Mondo 2018, dopo un ottimo girone eliminatorio che le aveva permesso di conquistare la terza testa di serie dell’eliminazione diretta, si è fermata agli ottavi nel match contro Rossella Fiamingo: un incontro molto tattico che si è concluso al minuto supplementare con la stoccata del 7-6 messa a segno dalla storica rivale. 

CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI 2021 – SPADA FEMMINILE – Cassino, 28 maggio

Finale

Rizzi (Fiamme Oro) b. Fiamingo (Carabinieri) 15-10

Semifinali

Rizzi (Fiamme Oro) b. Santuccio (Fiamme Oro) 15-7

Fiamingo (Carabinieri) b. Cagnin (Aeronautica Militare) 15-9

Quarti di finale

Rizzi (Fiamme Oro) b. Briasco (Cesare Pompilio Genova) 15-7

Santuccio (Fiamme Oro) b. Ferrari (Aeronautica Militare) 15-8

Fiamingo (Carabinieri) b. Traditi (Fiamme Oro) 15-9

Cagnin (Aeronautica Militare) b. Marzani (Centro Sportivo Esercito) 14-13

Classifica (180): 1. Giulia Rizzi (Fiamme Oro), 2. Rossella Fiamingo (Carabinieri), 3. Beatrice Cagnin (Aeronautica Militare), 3. Alberta Santuccio (Fiamme Oro), 5. Roberta Marzani (Centro Sportivo Esercito), 6. Gaia Traditi (Fiamme Oro), 7. Brenda Briasco (Cesare Pompilio Genova), 8. Marta Ferrari (Aeronautica Militare).