Sfiligoi d’argento ai Campionati Europei di Racice

Una medaglia d’argento continentale giunge a Trieste grazie al secondo posto conquistato da Piero Sfiligoi (Saturnia), nel 4 senza pesi leggeri, domenica mattina ai Campionati Europei di Racice in Repubblica Ceca. Un evento che apre ufficialmente la stagione 2017 ed il quadriennio verso Tokio 2020, con una nazionale italiana in gran spolvero, che andava a conquistare 3 ori, 1 argento e 4 bronzi, riportandosi nel medagliere tra le primissime posizioni.

Riparte dal suo cavallo di battaglia il monfalconese Sfiligoi, in queste ultime due stagioni oro proprio nel 4 senza pesi leggeri, nella categoria under 23. Una gara d’assaggio quella di venerdì per l’assegnazione delle acque tra i 5 finalisti, con la Russia che aveva ragione seppur di pochissimo sull’Italia. Un confronto che poi si è rivelato molto acceso nella finale di domenica mattina, sin dalle prime palate della partenza, con gli azzurri che cercavano di sorprendere i russi con un partenza al fulmicotone.

Non si lasciava intimorire il più ostico degli avversari, mentre nelle retrovie la lotta tra Repubblica Ceca, Ungheria e Turchia era sin dall’inizio per il bronzo. Procedevano appaiate Italia e Russia con distacchi minimi agli intertempi, e con le due formazioni che cercavano di prendere vantaggio sugli avversari. Dopo un ultimo intertempo agli ultimi 500 metri, dove la distanza delle due prue era di appena 2 centesimi, si scatenavano italiani e russi nel serrate finale, con un arrivo in volata sul traguardo quasi contemporaneamente: con la Russia che transitava con soli 14 centesimi di vantaggio e conquistava l’oro, sull’Italia di Sfiligoi, d’argento.

Nel singolo, il triestino Simone Martini, dopo un 4° posto in batteria ed un 3° nel recupero, si piazzava al 3° posto nella finale C che gli valeva la 15° posizione.