Basket – APU stoppata al Carnera da Caserta

Con il solo Amato sopra le righe nell’ambito di una prestazione incolore, Udine, dopo Ferrara, incappa nella seconda sconfitta consecutiva

APU OWW – JUVE CASERTA      76 – 86

APU: Cromer 15, Minisini ne, Ohenhen ne, Amato 20, Antonutti 9, Fabi 5, Zilli 3, Cortese 7, Jerkovic ne, Beverly 14, Nobile, Penna 3. Allenatore: Ramagli

JUVE CASERTA: Allen 25, Sousa 2, Bianchi 2, Valentini, Paci 14, Carlson 6, Hassan, Giuri 20, Cusin 10, Turel 7. Allenatore: Gentile

ARBITRI: Ursi, Yang Yao, Grazia

NOTE: Tiri liberi: Apu 21/26, Caserta 19/25. Tiri da 3 punti: Apu 9/24, Caserta 9/25.  Nessun uscito per 5 falli. Tecnico alla panchina di Caserta. Spettatori: 3200.

LA CRONACA – Dopo il flop di Ferrara quello interno con la matricola, ripescata, Juve Caserta, che incamera i 2 punti contro un’Apu in affanno sia in attacco che in difesa. Dopo l’11-0 messo a segno nei primi 3’40”, l’Apu è parsa adagiarsi, permettendo a Caserta di recuperare con un break di 10-2 firmato in primis da Paci che riportava in partita i campani dopo un avvio allucinante. Errori in fase conclusiva che a seguire penalizzavano la formazione di Ramagli, sorpassata al 9’ da un 2/2 in lunetta di Paci (15-16)ma in grado di recuperare il vantaggio con una tripla dall’angolo di Amato, il più positivo fra i friulani. E il play milanese metteva la firma anche su una nuova tripla in avvio di secondo quarto, con Udine comunque in difficoltà in fase offensiva di fronte alla difesa casertana.

Vantaggio che comunque ritornava consistente in progressione, con le triple di Fabi e ancora di Amato a chiudere i primi 20’ con l’Apu avanti con un rassicurante 45-31, con il 5/12 dalla lunga a fare da netto contraltare all’esiguo 2/11 degli avversari, e anche i rimbalzi a parlare udinese (25-20). Gara nel complesso senza ritmo e contrassegnata da numerosi errori su ambo i fronti. Sul finire del terzo quarto una tripla e un sottomisura di Giuri portavano Caserta a contatto di gomito (61-58), con l’Apu in fase discendente a non vedere il canestro e frazione a chiudersi comunque con il vantaggio della formazione di Ramagli (62-60).

Ultima frazione però con l’Apu ad apparire distratta e deconcentrata, con una difesa moscia, a tutto vantaggio di una Juve Caserta che impattava sul 64 pari dopo 2’. Cromer provava a rompere l’inerzia ma Caserta a quel punto ci credeva e Carlson con un 2+1 operava il sorpasso al 4’ (69-70) e Giuri a seguire a consolidare il vantaggio (69-72), con i campani a prevalere al rimbalzo. Un Amato in giornata, con l’ennesima tripla, riporta l’Apu in parità al 6’ (74-74) ma  Udine non difendeva più, Cusin piazzava due schiacciatone e Caserta si allargava al +7 (74-81) dell’8’, con Allen a chiudere in pratica la gara con i 3 punti del 9’ per un 76-84 imprevisto alla vigilia contro la matricola della A2 guidata in panchina da un indiavolato Nando Gentile.  (Edi Fabris)