Basket – Cividale piega Monfalcone nel derby regionale

Non inganni il risultato finale: per la Gesteco piegare la Falconstar è stata tutt’altro che una passeggiata e il match di fuochi d’artificio ne ha regalati pochi e quasi tutti esplosi nella parte finale.  Reduci da due sconfitte in terra veneta, rispettivamente contro Padova e Mestre, Cividale e Monfalcone hanno affrontato il derby con l’intento di riscattare subito i passi falsi e la circostanza non ha contribuito a favorire il gioco al Palazzetto di Via Perusini, dove abbiamo assistito ad un match condizionato negativamente per lunghi tratti dalla necessità di conquistare i due punti.

Il primo quarto fa registrare una partenza molto equilibrata con le due squadre a contendersi la frazione punto a punto e il nervosismo che regna su entrambe i fronti si traduce in molti errori al tiro e troppe palle perse, con i locali che chiudono avanti di tre punti grazie ad una tripla di Rota a fil di sirena. Nel secondo quarto il copione non cambia e anzi gli errori aumentano e per vedere il risultato sbloccarsi bisogna attendere quasi tre minuti di gioco, ancora una volta grazie ad un tiro dall’arco dei locali. A metà della frazione Cividale sembra scrollarsi di dosso la tensione e si porta sul + 11 grazie a un canestro di Battistini a 4’ 53’’ dall’intervallo lungo, ma i “cantierini” si riprendono sollecitamente dalla sbandata e nel finale di tempo riducono il divario chiudendo sotto sul 39-34, ritrovando maggior precisione al tiro e intensità difensiva, sfruttando il calo di tensione dei friulani, tenuti a galla da un paio di triple nei momenti topici prima della chiusura.

Cividale rientra “molle” nel terzo quarto e Monfalcone, nonostante le percentuali al tiro non migliorino sensibilmente, sfrutta dovere amnesie difensive e imprecisioni dei ducali, piazzando un allungo che li porta prima sul + 4 a 5’46’’ e poi al massimo vantaggio sul 54-49 a 1’07’’ dalla sirena e a chiudere la frazione sul 56-52, infliggendo un parziale di 22 a 13 ai padroni di casa.

Nell’ultimo quarto Cividale parte invece con il piede giusto, piazzando subito un 9-0 che la fa rientrare in partita e la riporta sopra sul 62-56 a 7’07’’ dalla fine e, grazie alla ritrovata precisione nel tiro dall’arco, mantiene la distanza sino a metà frazione, per poi ritrovare la giusta concentrazione difensiva e percentuali micidiali al tiro con una serie di 5 triple consecutive che la portano sull’ 84-67 a 1’01’’ dalle meritate docce e chiudere poi con un sonoro + 20 finale. Tutto è bene quello che finisce bene in casa ducale, grazie ad un ultimo quarto “stellare” con percentuali da NBA al tiro, ma che punisce forse troppo severamente Monfalcone che ha saputo tener testa ai padroni di casa per tre quarti di gara, creando parecchi grattacapi alla “band” di coach Pillastrini. (Giuseppe Passoni).

UEB GESTECO Cividale – PONTONI FALCONSTAR Monfalcone   89 – 69 (19-16, 39-34, 52-56)

UEB GESTECO CIVIDALE – Agostini 2 (1/1), Ohenhen 1 (0/2), Minisini n.e., Miani 8 (1/3, 2/2), Chiera 14 (1/7, 4/6), Cassese 12 (1/1, 3/5), Rota 15 (2/2, 2/3), Battistini 23 (7/14, 2/5), Fattori (k) 3 (1/5, 0/3), Hassan (2/4), Micalich n.e., Truccolo 3 (0/2, 1/4). Allenatore: Stefano Pillastrini

PONTONI FALCONSTAR MONFALCONE – Murabito (0/1), Bacchin 5 (1/3, 1/2), Casagrande 16 (5/9, 0/2), Andrea Schina (0/1), Bonetta (k) 5 (1/1, 1/2), Macaro 5 (2/6, 0/2), Candotto 13 (2/5, 3/4), Matteo Schina 7 (2/4, 0/2), Mlisavljevic 1 (0/1), Gobbato (0/1), Medizza 15 (3/6, 1/1), Cautero 2 (1/1, 0/1). Allenatore: Luigi Tomasi