Basket – L’Apu fa sua anche gara-2 contro Trapani

Venerdì in Sicilia il terzo incontro che, se vinto, rilascerebbe a Udine il pass per le semifinali-promozione

APU OWW – 2B CONTROL TRAPANI   65 – 58 (20-17;  41-31; 50-47)

APU: Johnson 9, Deangeli 4, Schina 5, Antonutti 12, Mobio ne, Agbara ne, Mian 6, Foulland 9, Giuri 7, Nobile 5, Pellegrino 2, Italiano 6. Allenatore: Boniciolli

TRAPANI: Basciano, Renzi 7, Spizzichini 9, Erkmaa 3, Tartamella, Miller 12, Mollura 6, Corbett 12, Pianegonda, Palermo 8, Milojevic 1. Allenatore: Parente

ARBITRI: Maschio, Dionisi, Yang Yao

NOTE: Tiri liberi: Apu 13/17, Trapani 12/20. Tiri da 3 punti: Apu 8/29, 6/27. Nessun uscito per 5 falli.  Tecnico a Mollura.

UDINE –   Col fiatone ma pur sempre vittoria per l’Apu contro un Trapani che in gara-2 dei play off promozione ha venduto cara la pelle seppure con un organico ridotto. Siciliani castigati negli ultimi minuti dalle realizzazioni del nuovo arrivo Fabio Mian e di Antonutti, dopo essersi difesi bene ma con di fronte un’Apu più efficace in fase conclusiva rispetto a gara-1. Con una panchina lunga, nonostante l’assenza per infortunio muscolare di Amato, a permettergli maggiori rotazioni, il tecnico Boniciolli ha avuto dalla sua anche l’innesto della guardia di Moraro, scuola Cbu, Fabio Mian, autore di una buona prestazione d’esordio, mettendo a segno i suoi primi punti in bianconero in avvio di seconda frazione, per il 23-17 dell’Apu. Per quanto riguarda Johnson, anche stavolta il cecchino americano ha sparato spesso a salve (0/4 da 2 punti, 3/10 da 3), mentre Foulland ha fatto il suo in zona calda, accalappiando 10 rimbalzi.

Udine in vantaggio in doppia cifra (39-29) alla fine del secondo quarto, mentre Trapani, alternando efficacemente zona e uomo e irretendo i terminali udinesi, dopo il riposo rientrava in partita, con una tripla di Miller a portare i granata di Parente col fiato sul collo dell’Apu (44-43 al 5’), con Corbett dalla lunga a operare il sorpasso. Nel quarto conclusivo, con Nobile e Italiano sugli scudi, l’Apu ritrovava però il bandolo offensivo, riportandosi sul 55-47, anche se Trapani, seppure a rotazioni limitate, non mollava e spettava a Mian, a 18” dal termine, risolvere in pratica il problema con una mezza penetrazione, e Antonutti, a seguire, a mettere a segno i punti del vantaggio conclusivo che garantiva all’Apu un ritorno più sereno, venerdì, in casa dei siciliani per una gara-3 che, se vinta, consegnerebbe ai friulani il pass per la semifinale-promozione. (E.F.)