Basket – L’APU vince e convince contro una solida San Severo

Udine prevale solo nell’ultimo quarto contro i pugliesi allenati dall’applauditissimo ex Lino Lardo, con Gazzotti “mister utilità” in fase difensiva e top scorer bianconero

APU OWW – ALLIANZ SAN SEVERO       74 – 66  (20-24; 37-36; 50-49)

APU: Cromer 13, Gazzotti  14, Amato 4, Antonutti 13, Zilli 2, Ohenhen ne, Beverly 12,   Strautins 8, Nobile 1, Penna 7. Allenatore: Ramagli

SAN SEVERO: Italiano 8, Saccaggi, Mortellaro 1, Angelucci ne, Demps 20, Antelli 6, Di Donato, Maspero 6, Ogide 16, Spanghero 9. Allenatore: Lardo

ARBITRI: Foti, Yang Yao, Puccini.

NOTE: Tiri liberi: Apu 17/22, S.Severo 8/17. Tiri da 3 punti: Apu 9/27, S.Severo 10/24.  Nessun uscito per 5 falli.  Spettatori: 3300.

LA CRONACA – Tanta fatica per l’Apu contro la difesa pugliese orchestrata dallo specialista Lardo, ex applauditissimo prima della gara insieme agli altri “reduci” Mortellaro e Spanghero, così come Pellegrino, presente da spettatore in tribuna. Ma alla fine alla Ramagli band, nell’ultima interna della regular season prima della fase a orologio (domenica prossima chiusura nel bresciano, a Montichiari contro Orzinuovi), sorride una nuova vittoria che la consolida in classifica in piena zona play off. Difendendo intensamente e con l’ex Spanghero, Italiano e Ogide a prenderci in sequenza dalla lunga, S.Severo viaggia in testa per due quarti,  con i friulani comunque a concludere avanti (37-36) prima del riposo.

Merito della formazione di Ramagli, come sempre, è quello di tenere duro, mantenendosi a contatto di gomito anche quando gli avversari mettono il turbo o quando le opposte difese non concedono spazi. E nei primi due tempi, in effetti, i bianconeri hanno incontrato le loro belle difficoltà contro la Maginot di Lardo, incasellando un 5/15 da 3 contro l’8/15 pugliese, facendo meglio da 2 con un 8/16. Antonutti & C. hanno però sempre saputo risalire la china anche quando i gialloneri prendevano il largo (-8, 26-34 con una tripla di Ogide, al 6’ del secondo quarto), arrivando al sorpasso dell’8’ con un avvitamento di Amato (35-34) e conservando il minimo vantaggio al 20’.

Vantaggio che rimane minimo anche nella terza frazione (44-43 al 5’) con San Severo, sotto l’ordinata regia di Spanghero, anche buon tiratore, a riportarsi avanti con Demps (44-46), all’insegna di un continuo rincorrersi delle due squadre come il gatto col topo, con le difese a prevalere sugli attacchi. Penna  conferisce verve alla manovra bianconera e al 7’ Udine è di nuovo con il naso avanti (49-46), pure se la partita è ancora tutta da giocare, con gli attacchi a incontrare costanti difficoltà contro difese ben attrezzate e Lardo a optare lungamente per la 2-3.

L’ottimo Gazzotti, con una tripla, dà respiro all’Apu (57-51 al 4’ della frazione conclusiva) e al 6’ l’Apu è su un rassicurante + 13 (64-51) dopo un’incredibile tripla di Cromer dalla lunghissima. Ma i bianconeri nel rush finale si distraggono e Ogide con un 3+2 riporta  sotto gli ospiti (70-62 all’8’), che con un accanito pressing tutto campo operano l’ultimo sforzo per recuperare il risultato. Ma senza successo, perché il 2/2 di Antonutti in lunetta chiude definitivamente il discorso. Lino Lardo, a fine gara, si dichiara comunque soddisfatto della prova dei suoi contro un’Apu di qualità e quantità, seppure ancora priva dell’apporto del lungodegente Fabi. (Edi Fabris)