Basket – Missione compiuta per Cividale contro Ancona

L’impegno alla vigilia era di quelli delicati per la Gesteco, chiamata a ritrovare la vittoria e riscattare la prima sconfitta subita tra le mura amiche sette giorni prima ad opera di Montegranaro e lo stop in Coppa Italia con Agrigento, per continuare la marcia verso la conquista del primo posto del girone. Missione compiuta dopo un tempo supplementare disputato a tutto gas per piegare la resistenza degli agguerriti marchigiani della Luciana Mosconi Ancona, che a lungo hanno conteso i due punti ai ducali.

Ancona si dimostra subito avversario tosto e mette alla frusta i ducali conducendo in vantaggio tutto il primo quarto chiuso avanti di 7 lunghezze sul 15-22, sfruttando le tante amnesie difensive e l’imprecisione offensiva dei padroni di casa traditi da un Chiera dalle polveri insolitamente bagnate (0/4) e ben imbrigliato dalla difesa marchigiana. Nella seconda frazione la Gesteco tenta di risalire la china con il capitano Fattori che con tre canestri consecutivi impedisce la fuga degli ospiti portando il punteggio sul 22-26 a 7’36’’ dall’intervallo lungo; purtroppo per i ducali il tentativo resta isolato e i compagni non riescono ad assecondare l’estro del capitano e così i marchigiani si portano sul 22-32 a 5’28’’ e costringono Pillastrini a chiamare un time-out per cercare di ridare vigore alle Aquile, penalizzate oltremodo dal forfait di Battistini. La strigliata del coach si fa sentire e con una tripla di Cassese, una penetrazione di Chiera e un gioco da tre punti di Fattori, Cividale accorcia sul 30-32 a 3’06” mentre una bomba di Leggio rintuzza il tentativo di aggancio dei ducali riportando Ancona sul +5 a 1’45” con Centanni a completare l’opera sganciando un tiro dall’arco a 4” dalla sirena fissando il 33-38 con cui le due squadre vanno al riposo.

Le Aquile ripartono più concentrate in difesa e precise in attacco nel terzo quarto e prima si fanno sotto sul 39-41 al 6’40” per poi mettere la testa avanti per la prima volta nel match sul 42-41 a 5’05” con una tripla di Miani. Il finale di frazione si combatte testa a testa con Cividale che ritrova percentuali più abituali dal tiro della distanza e la portano prima sul 49-44 a 2’41” e infine avanti 53-48 al suono della terza sirena grazie a Miani, Cassese e alla ritrovata vena offensiva di Chiera.

L’ultimo quarto inizia come peggio non poteva per i ducali, che perdono subito la mira appena ritrovata e vengono ripresi sul 53-53 a 8’20”. Ci pensa Rota con due triple consecutive a sbloccare i padroni di casa e a suonare la carica seguito da Fattori, che insieme danno il massimo vantaggio alla Gesteco portando il punteggio sul 63-55 a 6’01”, grazie anche ad un libero di Chiera seguente ad un fallo tecnico alla panchina di Ancona. I marchigiani non ci stanno a far scappare i ducali e con un gioco da 4 punti di Rossi dimezzano subito lo svantaggio a 5’20” e obbligano i rivali ad un finale di gara da giocare sul filo dei nervi portandosi sul 66-64 a 3’20” per poi a impattare sul 66-66 a 2’50” e andare a + 2 a 2’02. Chiera spezza prima l’incubo con la tripla del 69-68 a 1’55” mentre poi perde una palla che consegna a Leggio il tiro libero del 69-69 a 45” e con uno sfondo a 17” dà il possesso della vittoria ad Ancona, che fortunatamente per le Aquile s’infrange sul ferro all’ultimo secondo. Si va dunque all’overtime, con i ducali che partono di slancio e allungano a 76-69 a 2’22” mentre s’inceppano i marchigiani che perdono definitivamente la via del canestro, ostacolati dalla difesa ancora reattiva dei padroni di casa. Miani non sbaglia dalla lunetta e il punteggio assume dimensioni rassicuranti sul 78-69 a 1’51. Il match si chiude 80-69 con 20” d’anticipo e gli applausi dei fortunati presenti a scandire la fine di un overtime che non ha avuto sorprendentemente storia con il crollo degli ospiti piegati la ritrovata “furia” agonistica delle Aquile. (Giuseppe Passoni)

UEB GESTECO Cividale – LUCIANA MOSCONI Ancona 80 – 69 (dopo 1 t.s.) (15-22, 33-38, 53-48, 69-69)

UEB GESTECO CIVIDALE – Ohenhen 4 (2/2), Minisini n.e., Miani 14 (4/8, 1/2), Barel n.e., Chiera 12 (4/10, 1/6), Cassese 11 (2/4, 2/5), Rota 18 (3/8, 2/5), Londero n.e., Battistini n.e., Fattori (k) 14 (3/7, 2/4), Cipolla 2 (1/7) Hassan 5 (0/2, 1/3), Micalich n.e. Allenatore: Stefano Pillastrini. Vice: Giovanni Battista Gerometta e Marco Milan. Tiri liberi 15/19, Tiri da due 19/48, Tiri da tre 9/25, Rimbalzi 45 (32 dif. 13 off.)

LUCIANA MOSCONI ANCONA – Centanni (k) 16 (2/3, 3/6), D. Alibegovic 8 (2/4, 1/4), Potì 10 n.e., Oboe 5 (1/2, 1/3), Caverni (0/6), Colombo 4 (2/3), Paesano 15 (4/10, 2/3), Rossi 4 (1/2), Leggio 15 (1/2, 3/5), Anibaldi 2 (1/1). Allenatore: Stefano Rajola. Vice: Emanuele Pancotto. Tiri liberi 10/20, Tiri da due 13/31, Tiri da tre 11/24, Rimbalzi 34 (32 dif. 2 off.)

Arbitri: Francesco Di Luzio e Paolo Sordi