Castelvecchio a caccia della ribalta internazionale

Castelvecchio Gradisca1Si conclude con un’amarezza – il nono stop nelle ultime dieci gare – la stagione del ritorno in serie A1 di basket in carrozzina della Castelvecchio Gradisca. Sconfitta pesante (50-73) quella subita dagli isontini contro la corazzata Cantù, campione d’Italia uscente.

Senza Bernardis e Fabris i gradiscani non riescono a tenere fin dall’inzio partita, il primo quarto finisce 25 a 9 per i canturini. Nel secondo quarto stesso ritmo forsennato imposto da Cantù, pressing e contropiede le loro armi migliori, su tutti si distinguono Sagar 14 punti e sempre presente nelle azioni importanti e Bell 32. I gradiscani riescono a recuperare solo nel finale di partita, ultimo quarto parziale 18 a 15 per loro.

Finisce così il campionato che aveva regalato tante soddisfazioni nel girone di andat: gli infortuni a vari giocatori che hanno colpito la Castelvecchio, non hanno consentito ai gradiscani di concludere il campionato in una posizione migliore del sesto posto. La società è comunque soddisfatta del risultato ottenuto e ringrazia giocatori, tecnico e direttivo per il grande impegno profuso, senza dimenticare un ringraziamento particolare a Leo e Mirella Terraneo, grandi tifosi e sostenitori.

E adesso è tempo di una ribalta internazionale: il 7 e 8 marzo si gioca infatti il preliminare di EuroLeague al Complesso sportivo Getur di Lignano Sabbiadoro. La Castelvecchio nel gruppo D se la vedrà coi turchi del Genlick, i russi del Nevsky Alliance, i bosniachi del Sana Bihac e i francesi del Villefranche Entente. Vincitrici dei gironi e migliori seconde accederanno alle finali in Spagna ad aprile. l.m.