L’Apu stende Treviso: al Carnera finisce 77-63

Foto Antonio Elia

APU GSA – DE’ LONGHI TREVISO     77 – 63  (24-18; 44-34; 63-50)

APU: Mortellaro 11, Visintini ne, Pinton 1, Genovese, Cortese 21, Simpson 15, Chiti ne, Penna 8, Nikolic 2, Pellegrino 4, Powell 15, Spanghero . Allenatore: Cavina

DE’ LONGHI: Tessitori 13, Burnett ne, Sarto,  Alviti 7, Wayns 7, Saladini ne, Antonutti 6, Imbrò 8, Epifani ne, Chillo 17, Uglietti 5. Allenatore: Menetti

ARBITRI: Boscolo, Di Toro, Nuara

NOTE: Tiri liberi: Apu 10/17, Treviso 8/14. Tiri da 3 punti: Apu 9/19, Treviso 5/25.                       Rimbalzi: Apu 34, Treviso 23. Usciti per 5 falli: Tessitori. Tecnico per proteste alla panchina di Treviso e a Cortese. Spettatori: 3400.

LA CRONACA – Partita non per esteti, ma era sostanzialmente prevedibile. Udine la fa sua eliminando le polemiche della sconfitta di Verona, rimanendo in quota play off, mentre Treviso, dopo la battuta d’arresto interna con Piacenza, evidenzia il suo momento-no, distanziata dalla capolista Fortitudo. Dopo gli applausi del Carnera all’enfant du pays Antonutti e una dissacrante esecuzione alla chitarra elettrica dell’inno nazionale, è una gara a rincorrersi senza fine, quella dei primi 20’, fra due squadre dalle diverse motivazioni, con Treviso a dover vincere per mantenersi sulla scia della capolista Fortitudo e Udine a voler riscattare l’ennesima battuta d’arresto esterna nell’ultimo turno a Verona.

La formazione di Cavina, seppure con un Powell in formato ridotto dopo il recente infortunio, si allarga nel punteggio in crescendo rossiniano, passando dal -1 del 3’ (6-7) dopo una tripla di Antonutti, al +15 del 7’ con il 2/2 di Powell in lunetta, confezionando buoni canestri dalla lunga e sottomisura, pescando Pellegrino e Mortellaro, mentre gli ospiti dal perimetro giocano a ciapanò. Ma c’è di mezzo un successivo parziale di 9-0 che riporta sotto i trevigiani, che con una tripla di Biglietti riduce a -4 lo svantaggio degli azzurri a inizio secondo quarto. Ma bene o male la capacità dell’Apu è quella di rimanere a galla nei momenti critici e al 5’ Simpson e Cortese fanno risalire la formazione di Cavina a + 10 (35-25), esaltando il pubblico alla sirena del riposo con una doppia tripla dei due, rispettivamente al 2/2 e al 2/3 dalla lunga.

Apu che tiene con autorità anche nella terza frazione, con Cortese all around, Powell migliorato e Mortellaro a portare Udine al +16 al 5’ (59-43) con un’evoluzione sotto canestro. Treviso pare smarrita  di fronte alla difesa efficace dei bianconeri, che con “mister efficacia” Mortellaro, al 2 + 1 al 3’, rimangono saldamente in quota (68-55), con Cortese, l’mvp friulano, a incasellare a 47” dal termine la tripla della vittoria. (Edi Fabris)