Notte magica a Roseto: l’Apu Old Wild West Udine vince la Coppa Italia LNP!

Il sogno si è avverato, nel modo forse più sorprendente: l’Apu Old Wild West Udine conquista la Coppa Italia LNP e lo fa dominando la gara contro la corazzata Acqua San Bernardo Cantù. Eccezionale l’approccio dei bianconeri che giocano a viso aperto dal primo all’ultimo minuto, mettendo in campo qualità tecniche e umane di altissimo spessore. Trascinati da un Trevor Lacey formato NBA – Mvp dell’incontro con 25 punti -, i ragazzi di Matteo Boniciolli superano Cantù per 74-55 e sollevano il primo trofeo di Serie A2 della storia dell’Apu.

Con il roster al completo, per la gara con Acqua San Bernardo Cantù coach Boniciolli decide di rinunciare a Vittorio Nobile, ieri risultato Mvp contro OraSì Ravenna. Questo il quintetto di partenza: Cappelletti, Lacey, Ebeling, Antonutti e Walters.Proprio quest’ultimo sblocca l’incontro dopo 45 secondi (2-0). Lacey firma il 4-0 e Antonutti, dalla lunetta (fallo di Bryant) non sbaglia (6-0). I lombardi accorciano dopo due minuti di gioco grazie alla tripla di Allen (6-3) e passano per la prima volta in vantaggio due minuti più tardi con Da Ros (6-7). A metà periodo l’Old Wild West è di nuovo avanti grazie a Pellegrino (8-7), ma nei successivi due possessi non è sufficientemente precisa. Ne approfitta il team di Marco Sodini che a 3 minuti e 11 secondi dalla prima sirena si porta sul +4 (8-12). Nel finale di periodo Walters, nel tentativo di bloccare Stefanelli proiettato a canestro, commette fallo (1/2, 8-13) ed è costretto momentaneamente ad abbandonare il campo per infortunio. Cantù si porta sul +7 con Bucarelli e Lacey firma la tripla del 11-15 con il quale si chiude il primo periodo. Nei primi minuti del secondo periodo l’Apu ribalta la situazione: la tripla di Cappelletti annulla il divario con gli avversari (18-18), Esposito riporta avanti i suoi (18-20) e Lacey sigla la tripla del +5 (23-18). Parziale che rimane aperto con il libero trasformato da Esposito (fallo di Da Ros, 24-18) e il gancio di Pellegrino che porta i bianconeri per la prima volta sul +8 (24-18). A interrompere il blackout di Acqua San Bernardo è Bucarelli che firma il 26-21 a metà periodo. Un minuto dopo Walters rientra e va subito a segno 28-23. A meno di tre minuti dall’intervallo lungo Mussini firma il nuovo +8 dei bianconeri (34-26). Nel finale Cantù accorcia con Da Ros che fa 2/2 dalla lunetta (fallo di Pellegrino) e chiude la prima parte di gara sul 38-34.

Dopo tre minuti di gioco del terzo periodo Lacey mette a segno il diciassettesimo punto personale che porta a 9 le lunghezze di distacco dai comaschi (43-34). Ebeling mantiene il parziale aperto realizzando dall’area e subendo anche il fallo di Stefanelli per il +12 bianconero (46-34). Stesso divario ribadito qualche istante più tardi da Antonutti (48-36). L’Apu, seppur debba fare i conti con i falli dei lunghi, sembra aver preso il controllo della gara, Cantù fatica a contrastare il gioco dei bianconeri e negli ultimi due minuti subisce ancora una volta le iniziative di Ebeling che prima firma il 52-40 e a un minuto dalla terza sirena sigla la tripla che +15 (55-40). Il canestro di Stefanelli fissa il terzo parziale sul 55-42. L’ultima frazione si apre con le triple di Lacey (58-42) e Antonutti (61-42) che spingono l’Old Wild West a +19. Acqua San Bernardo recupera qualche punticino, ma a metà periodo la bomba di Mussini del 69-47 suona come una condanna per gli uomini di Sodini. Nei minuti finali Lacey si sbizzarrisce con aumentando il proprio tabellino finale con la tripla del +21. Udine gestisce l’ultimo minuto e vince la coppa!

Al termine della gara sono stati assegnati anche i premi di questa Coppa Italia: Trevor Lacey è stato premiato come pistolero

APU OLD WILD WEST UDINE – ACQUA SAN BERNARDO CANTU’ 74-55

(11-15, 38-34, 55-42)

APU OLD WILD WEST UDINE: Cappelletti 8 punti, Walters 4, Mussini 9, Pieri, Antonutti 7, Esposito 7, Giuri, Pellegrino 6, Italiano, Azzano ne, Lacey 25, Ebeling 8. All. Matteo Boniciolli.

ACQUA SAN BERNARDO CANTU’: Stefanelli 9 punti, Bryant 12, Nikolic 2, Boev ne, Da Ros 10, Bucarelli 9, Cusin, Bayehe 3, Allen 8, Severini 2. All. Marco Sodini.

Arbitri: Gagliardi, Valleriani, Bartolomeo.

Uscito per cinque falli: nessuno.