Pordenone avanti nella serie contro l’Interclub Muggia

Foto Ros

G&G International Pn – Interclub 71-43 (21-9;38-19;57-29)

G&G International Pn: Maniero 5, Iuraschi, Cella 3, Grattini 15, Leonardi 9, Gregori 6, D’Este 7, Recanati 2, Camporeale 7, Stangherlin 2, Jankovic, Meldere 15. All.: Da Preda
Interclub: Piemonte 1, Peretti, Silli 4, Mervich 4, Predonzani 3, Dimitrijevic 5, Santoro 2, Miccoli Co., Miccoli Ca. 3, Florit 12, Castagna 9. All.: Mura
La G&G International Pordenone si aggiudica gara 1 di semifinale play off imponendosi sull’Interclub per 71-43, l’incontro non è mai stato in discussione sotto il profilo del risultato anche se alle rivierasche rimane certamente il grosso rammarico di non avere concretizzato al meglio la notevole mole offensiva prodotta durante l’arco dei 40′.
Coach Mura commenta così il match: “E’ stato un mercoledì più sfortunato che brutto, causa il notevole traffico in uscita dal capoluogo giuliano siamo giunti a destinazione poco prima dell’inizio della partita e questo di certo non ci ha agevolato. Venendo alla gara alcuni errori da sotto e un paio di palloni persi hanno dato il la al vantaggio pordenonese con il quintetto di casa a partire subito forte, dall’altra parte devo pure aggiungere che la squadra non si è disunita attaccando sino dalle battute iniziali senza però trovare una certa continuità a livello realizzativo. Dall’avvio del secondo quarto abbiamo alternato la difesa a uomo e zona in maniera da abbassare il loro ritmo di gioco, mentre in attacco il trend è rimasto molto negativo nelle conclusioni rispecchiando quanto successo nei primi 10′: l’1/8 dalla lunetta ne è la dimostrazione più lampante“.
Nella ripresa l’uscita per raggiunto limite di falli da parte della nostra capitana ci ha ulteriormente penalizzato. Seppure sotto nel punteggio le ragazze, brave le più giovani a mettersi in evidenza, non hanno mai allentato la presa lottando su ogni pallone fino alla conclusione della gara“.
“Tirando le somme posso affermare che il piano partita è stato eseguito bene, purtroppo è venuta a mancare la giusta convinzione in quello che si faceva condizionandoci non poco. Di certo questo risultato non ci rende felici ma consapevoli che sabato prossimo in gara 2 (inizio fissato alle ore 18; n.d.r.) possiamo tranquillamente mettere in difficoltà l’avversario cercando, allo stesso tempo, di sfatare il tabù del PalAquilinia”.