Slapnicar e Sejmenovic trascinano Gradisca contro Santo Stefano

Milan Slapnicar
Milan Slapnicar

La Castelvecchio Gradisca continua a stupire nella serie A1 di basket in carrozzina e – dopo quelli di Sassari e Padova – conquista anche lo scalpo del S.Stefano Marche, cogliendo il terzo successo consecutivo nella stagione che segna il ritorno nella massima serie nazionale del wheelchair.

I gradiscani si sono imposti nettamente (64-51), conducendo la partita in vantaggio dall’inizio alla fine. Dopo la quarta partita di campionato i ragazzi di coach Max Cricco occupano ora un esaltante secondo posto in classifica, assieme allo stesso S. Stefano e a Porto Torres, e a due punti della capolista S. Lucia Roma con cui peraltro avevano battagliato punto a punto nel match d’esordio.

Espugnando il PalaPrincipi di Porto Potenza Picena Sejmenovic e compagni hanno indubbiamente confezionato il colpaccio di giornata. I locali erano imbattuti dall’inizio del torneo. Grande la determinazione dei biancoblù nonostante una panchina ridotta all’osso: la grinta e la precisione del duo Sejmenovic – Slapnicar (35 punti complessivi) e il grande carisma dell’azzurro Fabio Bernardis, la solidità del gruppo sono gli ingredienti che permettono alla Polisportiva Nordest di sedersi a sorpresa al tavolo delle grandi di questo campionato.

Con un secco parziale di 10 – 0 nei primissimi minuti della partita, la Castelvecchio ha impresso da subito la sua inerzia sul match, inerzia che è stata poi mantenuta con lucidita’ nell’arco di tutto l’incontro. A nulla è valsa la classe dei tanti campioni della multinazionale marchigiana, ben irretiti da una Gradisca attualmente in stato di grazia. Una difesa sostanzialmente perfetta, un attacco fluido e tanta voglia di stupire hanno fatto il resto sotto gli occhi stupiti del presidente federale Zappile.