Una super Alma Trieste vince lo scontro diretto contro Cantù

L’Alma Trieste domina al PalaBancoDesio contro l’Acqua San Bernardo Cantù e conquista una vittoria fondamentale, contro una diretta concorrente per la zona playoff nonché la squadra più in forma del momento (sette vittorie di fila). Prestazione da “dieci e lode” per i biancorossi, che sfaldano la resistenza dei brianzoli dopo un primo periodo più che equilibrato, mostrando poi un gioco collettivo di tutto rispetto.

L’Alma parte con Wright, Sanders, Dragic, Peric e Knox mentre Cantù risponde con Gaines, Carr, La Torre, Davis e Jefferson: l’inizio è tutto per Dragic, infatti l’atleta sloveno metterà a segno ben 11 punti nel solo primo periodo. Quando Sanders piazza la tripla del 4 – 11, coach Brienza chiama subito time out: l’esterno americano e Peric, poco dopo, commettono il loro secondo fallo. In generale, Trieste, difende bene e riparte alla grande, con buone iniziative anche in contropiede: Dragic (7/13 dal campo, 7/7 ai liberi, 7 rimbalzi, 6 falli subiti, 3 recuperi) piazza quattro punti di fila (10 – 15), poi Jefferson fa pesare la sua presenza nei pressi del ferro e, insieme a Gaines, riporta a contatto i padroni di casa.

Il secondo periodo si apre con Parrillo che pareggia a quota 24, con un tiro dalla media: i biancorossi rimangono per due minuti e mezzo senza segnare, poi ci pensa Strautins con una tripla e la coppia Cavaliero – Da Ros fa mantenere un buon margine all’Alma. Quando poi “Lobito” Fernandez (4/7 nelle bombe) piazza due triple di fila, ecco che Trieste allunga sul +9 (31 – 40): Cantù si sblocca con quattro liberi di Gaines, ma nel finale ancora Fernandez con un tiro pesante allo scadere dei 24” e una schiacciata di Knox su assist dello stesso argentino fissano il punteggio sul 38 – 48 del 20′.

Alla ripresa dei giochi, l’Alma difende ottimamente: per quasi tre minuti, i padroni di casa restano senza segnare, mentre Dragic si scatena nuovamente, con un paio di giochi da tre punti. Per l’Acqua San Bernardo è il solo Stone a segnare, mentre Sanders piazza una bomba e Dragic mette i liberi del +20 (46 – 66) a 3’42” dalla terza sirena. Un margine importante, che rimane pressoché invariato, fra un rimbalzo offensivo di Mosley ed una tripla di Sanders, prima dell’ultima realizzazione di Stone, che fissa il punteggio sul 51 – 71.

L’ultimo quarto non ha più molto da raccontare: Chris Wright regala spettacolo con un paio di perle delle sue, mentre Cavaliero piazza una bella tripla e Sanders schiaccia un pregevole assist di Da Ros dal post basso. L’Acqua San Bernardo non riesce più a reagire e coach Dalmasson ha tempo anche per dare spazio a Coronica e Cittadini, che partecipano attivamente alla grande festa biancorossa in quel di Desio.

CANTU’ – PALLACANESTRO TRIESTE   66 – 88

Acqua San Bernardo Cantù: Davis 11, Carr, La Torre, Gaines 25, Jefferson 10, Pappalardo ne, Olgiati ne, Tassone ne, Parrillo 2, Baparapè ne, Blakes 6, Stone 12. All. Brienza

Alma Pallacanestro Trieste: Strautins 3, Fernandez 14, Coronica, Cittadini, Dragic 21, Mosley 6, Wright 8, Cavaliero 6, Peric 6, Sanders 11, Da Ros 2, Knox 11. All. Dalmasson

Parziali: 22-24; 38-48; 51-71

Arbitri: Begnis, Baldini e Quarta