Un’incerottata Alma Trieste affonda Pistoia 96-79

Straripante Alma Trieste: contro Pistoia i biancorossi rispondono con concretezza agli auspici della settimana post-Varese, con una prestazione notevole in attacco e 96 punti segnati di fronte al pubblico dell’Allianz Dome.

Pur con le note assenze di Da Ros e Janelidze, a cui si assommano quelle di Sanders e Walker, la squadra ha conquistato il referto rosa con un ottimo rendimento, che ha elevato a grandi protagonisti Peric, Silins e Strautins. Coach Dalmasson parte con il quintetto formato da Fernandez, Cavaliero, Strautins, Peric e Mosley; risponde Ramaglia con Kerron Johnson, Dominique Johnson, Peak, Auda e Krubally: l’inizio in casa Alma sembra difficoltoso, stanti i due falli in pochi minuti di Fernandez. Al suo posto entra Wright che, nel giorno del suo ventinovesimo compleanno, offre una prova più che concreta: per i toscani, sono Auda (6/11 da due, 5/10 ai liberi, 11 rimbalzi) e Peak i più attivi.

La bomba di Strautins regala il vantaggio sul 13 – 12 ai colori biancorossi e, poco dopo, arriva la schiacciata di Mosley a far tremare il canestro dell’Allianz Dome: anche Peric commette il secondo fallo e deve uscire, ma ci pensano Strautins (5/7 da due, 1/5 da tre, 5/5 ai liberi, 9 rimbalzi), Knox e Wright a tenere avanti l’Alma, sul 31 – 21 al decimo.

Nella seconda frazione, continua a rimanere in testa Trieste: Dominique Johnson cerca di tenere sempre vivo l’attacco pistoiese, con una tripla ed un canestro da due; coach Ramagli prova a mettersi a zona, ma Peric (11/20 dal campo, 1/2 ai liberi, 3 rimbalzi, 3 recuperi, 3 assist) è scatenato e spalle a canestro fa danni tremendi alla difesa della OriOra. Cavaliero regala un assist all’ala croata, poi Peak rompe il digiuno per gli ospiti, siglando il canestro del meno diciassette (52 – 35 al ventesimo).

Alla ripresa delle ostilità, è ancora Peric a segnare, al volo su assist di Wright; il lungo ospite Auda mette dentro cinque punti di fila, poi Cavaliero viene espulso a seguito di un tecnico e un antisportivo. Coach Dalmasson si trova con un uomo in meno, poi è l’ora di Silins (1/1 da due, 5/9 nelle bombe, 3/3 ai liberi): il lettone si prende la scena, colpendo sia dal perimetro che in lunetta e proiettando l’Alma sul +27 (75 – 48). A tre secondi dalla fine, arriva un fallo antisportivo anche per Wright, ma i biancorossi sono in controllo: +25 alla terza sirena.

Nell’ultima frazione si tratta di pura accademia per il team triestino: Silins regala ancora spettacolo, con una bomba ed una schiacciata a due mani. Dominique Johnson (2/8 da due, 6/8 nelle bombe, 1/2 in lunetta) continua a risultare il più pericoloso per Pistoia, ma serve a poco: il team di Dalmasson si rilassa un pò troppo nei minuti conclusivi, permettendo agli ospiti di rosicchiare un pò di svantaggio. La vittoria, però, non è mai in discussione: i biancorossi si impongono 96 – 79 e il referto rosa torna nelle mani di Peric e compagni.

TRIESTE – PISTOIA   96 – 79

Alma Pallacanestro Trieste: Coronica 1, Peric 23, Fernandez 5, Schina, Wright 10, Strautins 18, Deangeli ne, Silins 20, Cavaliero, Knox 10, Mosley 9, Cittadini ne. All. Dalmasson
OriOra Pistoia: Bolpin, Della Rosa 3, Johnson K. 12, Peak 6, Krubally 14, Auda 17, Di Pizzo, Martini 4, Querci ne, Severini, Johnson D. 23. All. Ramagli

Parziali: 31-21; 52-35; 75-50
Arbitri: Paternicò, Pepponi e Paglialunga